venerdì , Febbraio 26 2021

Il serchione e lo spaccone: duello all’ultima faccia – di Pino Grimaldi

Enna 03/04/06 – Secondo ed ultimo (per fortuna!) confronto tra i due totem delle elezioni italiane. Stesso studio con set up da sala anatomica, freddo ed asettico.
Trucco come d’abitude per entrambi; faccie tra spaventate (ne hanno ben d’onde) e proterve (da difesa).
Due giornalisti: Sorge (La Stampa) e Napoletano (Il Messaggero); un conduttore – per antonomasia! – Vespa, cauto e consapevole del ruolo e delle possibili critiche.
Aria da duello insomma di quelli “schiena contro schiena” nove passi in avanti ciascuno, voltarsi, far fuoco. Stop al primo sangue, chiusa la faccenda, salvo l’onore e tutto come prima.Pochi secondi con i padrini a stringersi le mani, il direttore di duello congratularsi con gli astanti, i medici a soccorrere.

Invece è durato un’ora e mezza. Con i personaggi seduti come a scuola e tutti ad augurarsi il colpo di scena che se no il film fa sbadigliare anche se con la Sharon Stone.

Grande, grandissima attesa. Pubblicizzato più del il film di Moretti o della elezione di un nuovo papa.

Audience da mondiali di calcio con Italia in finalissima:non tempi supplementari.Undici consiglieri da una parte e non si sa quanti dall’altra.Manco il Papa nel redigere una enciclica che si rivolge a qualche…. elettore in più.

Alle dieci e quarantacinque della sera il dado è tratto.
Dopo un dibattito opaco ripetitivo (anche troppo) financo nella mimica gestuale e negli ammiccanti sorrisi trattenuti e occhi strizzati per divinare il futuro, arrivano due bordate da dritta che fanno centro sulla corazzata dell’Unione che vacilla e non fa più a tempo a rimediare al danno.
Berlusconi annuncia che nel suo governo, (da per scontato di vincere, ovvio) vi sarà (udite,udite!) come Vice Presidente del Consiglio “una donna”!
E nell’appello finale colpo di karatè non parabile: abolizione dell’ICI!

Prodi aveva già fatto un autogoal quando a domada specifica aveva risposto che a occhio e croce le tasse riguarderanno solo quelli che hanno redditi di “parecchi” milioni di euro, ove parecchi sta per : lo sa solo Dio quanto e non è il caso che io litigo ora con i miei alleati! (retropensiero non detto ma mimicamento espresso).

Le telecamere non riprendono come da norma stipulata le faccie del conduttore e giornalista di dritta (pare talmente gongolanti da rischiare il primo multa rai ed il secondo censura editoriale).Ma i colpi sono bassi ed il dolore – si fa per dire – non indifferente anche perché il messaggio è chiaro e forte e di quelli che ove la dritta vincesse non può essere dilazionato o ritrattato.

Per il resto apprezzabile l’essere stati ai tempi, non apprezzabile due prese di cappello (una per ciascuno) immotivate e per il pubblico (ciascuno ha pensato bene ai propri fedelissimi ). Il match si chiude in favore di Berlusconi che è riuscito financo a non scarabocchiare troppo (rai grata per non avere usato troppa della carta concessa) ed a non dimenarsi più di tanto (quasi quanto un siciliano educato, insomma).
Prodi ha fatto del suo meglio.Ma con i tanti che gli avevano dato consiglio e soprattutto con Parisi che quanto più lo tiene lontano meglio è, quale advisor preferenziale, di più non poteva fare.
I giornalisti sono riusciti anche a chiedere da dove ciascuno avrebbe preso i soldi per le 281 pagine di programma e per i sogni (ma alcuni realizzati invero) di Berlusconi.
Ed ambedue hanno tirato la coperta una volta da un lato ed una altra dall’altra.
Tutti d’accordo nel combattere l’evasione (non prenderanno ne l’uno ne l’altro 33% di voti di cittadini evasori un pò per celia un pò per non morire). I 35 miliardi di euro, centesimo più o meno, sa tanto che dovremo pagarli chiunque vinca, sempre i soliti fessi ignoti!

Comunque una buona notizia: niente pena di morte (manco a morire ammazzato sembrava volessero dire ambo gli atridi) e soprattutto niente più duelli rusticani (ma questa volta con tratti di bon ton).
Li rivedremo ambedue (pareggio)?
O uno solo?
Questo è il problema !
Scontato che il 10 Aprile a cose fatte, ognuno dirà – anche allora – d’avere vinto.

Ma di “faccia” si spera ne rimanga una sola a riempire i video della italica gente. Che fino a quel momento se vuole può avere una settimana di reality show e scommesse, su santa madre rai e affiliati.
E poi dicono che non sono buoni e comprensivi.

Pino Grimaldi
grimliondr@libero.it

Check Also

On. Virlinzi: sostituita la Democrazia con una forma di Oclocrazia

Enna. Conversazione con l’ex deputato all’ARS l’ennese on. Tanino Virlinzi. D. Si è formato un …