giovedì , Agosto 11 2022

“Periferie”, poesie di Antonella Santarelli

Piazza Armerina.

Edita dalla nuovissima casa editrice della provincia di Enna Nulla Die, esce come e.book, in formato elettronico, “Periferie”, raccolta di poesie di Antonella Santarelli.


Si legge nella presentazione: “Periferie, luoghi dannati come scabrosi stati dell’animo da cui è possibile risollevarsi. Esistenze tormentate e passioni irriverenti che l’autrice ci svela senza compiacersene…”.

 

 


Antonella Santarelli vive a Piazza Armerina ed è tra le vincitrici del Premio Nazionale Scrivere Donna 2010”.
Con la pubblicazione in e.book della silloge Periferie di Antonella Santarelli, Nulla die avvia la propria attività di casa editrice. Dello stesso libro è prevista una versione cartacea che attualmente è ancora in fase di stampa. Entro un breve lasso di tempo, nelle differenti collane a stampa e in e.book, appariranno altri titoli che abbracciano diversi argomenti e generi letterari. Fra le prossime uscite, infatti, sono presenti opere di narrativa (racconti, romanzi, nuovi generi, ecc.), opere di saggistica e raccolte poetiche. “Sebbene sia appena nata – sostiene la redazione della casa editrice – Nulla die vanta già invidiabili canali di distribuzione: i suoi e.book beneficiano di una diffusione capillare presso quasi tutti i book store (ndr:le apposite librerie per libri elettronici) che accolgono opere in lingua italiana. La distribuzione dei libri a stampa, come la promozione di tutti i suoi prodotti editoriali, è curata direttamente dalla casa editrice che si avvale di strategie di marketing innovative e orientate sul lettore oltre che sui librai. Nulla die è tra le prime case editrici in Sicilia a pubblicare pure in formato elettronico e con una distribuzione capillare”.

Sul sito di Nulla die, all’indirizzo http://nulladie.wordpress.com/ , le indicazioni per scaricare l’ebook Periferie.

Check Also

“Fake news – pericoli e opportunità per la nostra libertà” il nuovo libro di Alain Calò

È uscito in questi giorni il nuovo libro di Alain Calò dal titolo “Fake News …