sabato , Agosto 20 2022

In principio erat verbum by A.M.De Francisco

E’ in libreria l’ultima fatica letteraria di Anna Maria De Francisco “In principio erat verbum”, con l’introduzione di Rosalba Galvagno e note a cura di Nadia Rosso, Papiro editrice, con i tipi della Lussografica di Caltanissetta (pag. /79, euro 10). Si tratta di un saggio di carattere prevalentemente letterario, ma con riferimenti religiosi, filosofici, sociologici. Colto, vario, originale, di scorrevole piacevole lettura.
In un’intervista ad Anna Maria De Francisco, per meglio capire e apprezzare il suo saggio, l’autrice ha detto: “Questo saggio è un’appassionata difesa della parola sia detta che scritta, in un momento di crisi della comunicazione e del linguaggio, della grammatica e del rigore conoscitivo, mentre intorno si assiste al declino dei valori tradizionali, alla caduta di stile e di autenticità.”
Infatti, partendo da un inquietante interrogativo: “Quanto incide, quanto è grave affermare che la parola cede il posto alle immagini e, dunque, vive un momento di crisi o, addirittura, vive una crisi irreversibile, definitiva?”, Anna Maria De Francisco rivolge l’attenzione all’espressione verbale in ogni sua accezione, concludendo: “Bisogna tendere a ridare forza alla parola restituendole la sacralità dei primordi.”
Nel percorso di approfondimento, rivolto alla parola come mezzo di comunicazione e di espressione, cioè nel suo duplice valore pratico e spirituale, l’autrice ne indica funzioni, prerogative, caratteristiche soffermandosi sull’ uso letterario della lingua, per cui il passaggio alla seconda parte del saggio sulla “creazione artistica” e sulla “misteriosa genesi dell’opera d’arte” risulta naturale sviluppo del precedente discorso sul “Verbum” e sulla volontà di creazione.
Questa seconda parte del lavoro mantiene lo stile e il metodo d’indagine della precedente, fondandosi su una serie di dati e “variazioni su tema” che l’autrice, attingendo a piene mani da libri e opere d’arte, utilizza, con ricchezza di ispirazione, per esemplificare i suoi assunti, per conferire gravità e al tempo stesso diletto al discorso.

Anna Maria De Francisco Aveni, palermitana, ennese d’adozione, ha insegnato italiano e storia all’istituto tecnico commerciale “Duca d’Aosta di Enna.
A 18 anni, matricola all’università Cattolica di Milano, ha collaborato per l’Utet all’enciclopedia narrativa Trame d’oro ; pubblicista, collabora col giornale di Sicilia; ha scritto saggi, recensioni, racconti, poesie che hanno ricevuto lusinghieri apprezzamenti e premi in diversi concorsi letterari. Tra le sue pubblicazioni di maggiore successo il saggio letterario Nove Decimi di Umorismo sullo scrittore Umberto Domina, Papiro editrice, 2010.

Check Also

Enna perderà la rappresentanza parlamentare

Enna perderà la rappresentanza parlamentare di Massimo Greco Con l’inaspettato scioglimento del Parlamento causato da …