domenica , Settembre 26 2021

Storia del Sindacato a Enna

Si sono vissuti giorni difficili nella Cisl di Enna. Il paventato accorpamento della Federazione Territoriale ennese con quella di Caltanissetta ed Agrigento, le dimissioni del segretario Giuseppe Aleo, le vicende e l’epilogo del consiglio generale di qualche giorno fa con l’elezione a segretario territoriale di Tommaso Guarino, la rottura con il segretario regionale Maurizio Bernava, al quale è stata bocciata la proposta di una reggenza transitoria che avrebbe sancito, di fatto, lo scioglimento della federazione ennese, hanno determinato la spaccatura del sindacato. Uno dei padri fondatori della Cisl locale, Angiolo Alerci, appreso dalla stampa quanto avvenuto, ha commentato che “in oltre sessant’anni di storia del sindacato non si erano mai verificate lotte interne di tale rilevanza ”. Nel 1945, immediatamente dopo la liberazione, ricorda Alerci, venne costituto anche a Enna un sindacato unitario per garantire la tutela dei diritti dei lavoratori, consacrati nella carta costituzionale del ’47. L’organizzazione sindacale, nata quale Confederazione Generale Italiana del Lavoro, accolse tutti i lavoratori, indipendentemente dalla loro appartenenza politica. La struttura, al suo interno, era articolata in modo da gestire, con una certa autonomia, le componenti comuniste, socialiste e democristiane. Analoga struttura anche per i comuni della provincia. All’interno dell’organizzazione vi erano le rappresentanze giovanili delle diverse correnti politiche, tra queste quella della DC capeggiata da Angiolo Alerci e quella della sinistra retta da Pino Vicari. “Per me, dice Alerci, quell’esperienza fu una palestra di vita, per Pino Vicari, invece, fu un trampolino di lancio per il suo futuro politico, iniziato con l’occupazione delle terre, preludio di una stagione di lotte, culminate con la riforma agraria”. L’esperienza unitaria fu interrotta nel 1948, quando a seguito dell’attentato a PalmiroTogliatti, la Ggil proclamò uno sciopero generale, al quale non aderì la componente cattolica, che decise di uscire dal sindacato unitario, creando la Libera Confederazione Generale Italiana del Lavoro, che successivamente fu chiamata CISL. A dirigere il neonato sindacato fu chiamato il presidente delle Acli, prof. Vincenzo Murgano, deceduto prematuramente nel 1950 a seguito di malattia contratta in guerra. Fu collaborato da Gaetano Napoli, scomparso recentemente, da Francesco Paolo Clemente, che aveva rappresentato la corrente democristiana all’interno del sindacato unitario, divenuto poi il primo segretario generale della struttura della nuova Confederazione e da Angiolo Alerci, nominato vice segretario. Giuseppe Fiammetta, giornalista e corrispondente del Giornale di Sicilia, resse la segreteria per molti anni, portando la Cisl a livelli ottimali di rappresentatività in tutte le realtà lavorative del capoluogo e della provincia. Pino Vicari in passato è stato uno degli uomini politici di rilievo nel Partito Socialista prima e nel Partito Comunista dopo. Angiolo Alerci, invece, ha militato nelle file della Democrazia Cristiana.
 

 

(nelle foto: Angiolo Alerci e Pino Vicari, due protagonisti del sindacalismo ennese)

Check Also

La Lega di governo vuol limitare i danni del suo segretario Salvini

La Lega, una partito di lotta e di governo? Lo fanno pensare le prese di …