martedì , Settembre 21 2021

‘Viaggio in Provincia di Enna’ by La Vigna

Le grafiche e le pitture dell’architetto Liborio La Vigna, rappresentanti alcuni angoli della Provincia di Enna, s’impongono alla nostra attenzione per la raffinatezza dello stile, la sobrietà dei colori, la sintesi esplicativa, ma anche per il linguaggio simbolico che l’artista ha voluto imprimerle. Si capisce subito che il pittore ama la terra in cui è nato, vive ed opera. Egli, inoltre, si sente partecipe della storia della sua gente e ricerca nelle testimonianze i segni del passato con attenzione scrupolosa e, nello stesso tempo, critica. Osserva, perciò, i monumenti, che i padri hanno realizzato, e si duole nel costatare che un patrimonio artistico, d’inestimabile valore, possa andare in rovina per l’indifferenza o peggio per l’ignoranza di tanti, che non ne vedono l’utilità.
Allora, per non farsi complice, preferisce intavolare un colloquio con le chiese, le fontane, le vie, le piazze dei nostri paesi e le ritrae nella loro funzione storica e sociale: uno scenario collettivo di religiosità e laicità; le coglie in una visione armonica e composita, fuori dalla quotidianità e, addirittura, lontane dalla invadenza disordinata dei gruppi, fino a proteggerle dal respiro umano. Paradosso? No. Semmai un senso spiccato di pudicizia: l’uomo, ricco di sensibilità, trova nell’astrazione una valvola di sfogo, una via d’uscita, un criterio di equilibrio intellettuale.
All’architetto La Vigna, però, non basta cesellare le pietre in un ambiente metafisico, perché non ricerca in esse l’assoluto. Egli desidera eternarle anche per farle conoscere agli altri. Pertanto le immagina in un momento imprecisato, quando la luce delle stelle o del sole sa donare alle cose una vivacità forte, una bellezza pura, un candore divino. In tale dimensione le opere d’arte acquistano una forza espressiva calda, un’identità perenne, una fisionomia sicura ed interpretano l’esigenza di un popolo che vi si rispecchia con l’animo e la mente. Dunque il discorso dell’artista, che apparentemente può sembrare estetico, si arricchisce di una dimensione cognitiva e morale. Se un pittore riesce a sublimare il particolare tanto da renderlo universale; se è capace di trasmettere sensazioni, emozioni e riflessioni; se crea con il fine di privilegiare il rapporto uomo-ambiente, significa che ha raggiunto una grande maturità artistica, perché pone le sue intuizioni a beneficio della comunità. In ciò l’architetto Liborio La Vigna riesce in modo egregio.
Francesco Cuva

Liborio La Vigna è nato a Enna nel 1942 è sposato con la signora Angela, ha tre figli, Nino, Paolo e Marina e risiede a Nicosia nella sua tenuta di campagna. Ha svolto studi tecnici a Enna e artistici a Palermo. Ha conseguito la laurea in Architettura abilitandosi poi all’esercizio della professione con il massimo dei voti. Ha prestato servizio per dieci anni presso un Ente di diritto pubblico e ha svolto la leva nella Marina Militare Italiana. Si occupa di progettazione edile e di arredamento di interni, impegnandosi altresì nel design del mobile, nella cartellonistica pubblicitaria e nella grafica. Predilige il disegno caricaturale e in questo settore ha ricevuto riconoscimenti a livello nazionale: molto apprezzate le sue vignette a sfondo politico. Ha come passatempo preferito il modellismo. È impegnato nell’Associazionismo di Servizio. Sue opinioni e disegni sono riportati da giornali locali e regionali. Ha collaborato alla cura e alla stampa di pregevoli lavori sui Beni Culturali dell’ennese. Ha pubblicato il volume “La via del mare”, che è uno studio particolare sulla ristrutturazione territoriale della provincia di Enna. Attento osservatore delle problematiche socio-eco-nomiche delle nostre zone interne, conduce da anni una campagna di sensibilizzazione impegnandosi in prima persona. Tale azione è sortita nella fondazione del movimento politico-culturale “Euno -Cittadini Liberi” e, a Nicosia, del Club “La Galleria”. Con il Lions International, ha svolto e svolge una intensa attività di Servizio. Socio del Club di Leonforte dal 1978/79; segretario 100%; fondatore, grafico e collaboratore del notiziario TAVI; componente del Comitato di redazione del Notiziario distrettuale 108 Y; presidente 100%; componente dei Comitati distrettuali per la valorizzazione il recupero e il restauro dei centri minori, per la tutela e la valorizzazione dei beni culturali, per la reda-zione del catalogo opere minori; responsabile del convegno regionale sui problemi culturali e ambientali nell’anno sociale 94/95; vice presidente del Comitato Sicilia per la formazione e lo sviluppo delle attività imprenditoriali nell’anno sociale 95/96; presidente del Comitato Sicilia per il restauro dei centri storici 99/00; Melvin Jones Fellow 00/01; Delegato di Zona 01/02; presidente Comitato Sicilia per la valorizzazione delle tradizioni 2002/03.

Check Also

La giovanissima scrittrice Maria Iside Polizzi pubblica il romanzo “Fai danzare l’anima”

Scrittrice, psicologa e insegnante, Maria Iside Polizzi pubblica la sua terza opera, il romanzo “Fai …