lunedì , Settembre 26 2022

Massimo Greco: Ancora un mese e la Provincia di Enna si prepara ad essere commissariata

Ancora un mese e la Provincia Regionale di Enna si prepara ad essere commissariata e trasformata in Libero consorzio di comuni. Poniamo alcuni quesiti al Presidente del Consiglio Provinciale Massimo Greco

Quale sarà la sorte del personale dipendente della Provincia?

Sarà il legislatore regionale a stabilirlo entro il 31 dicembre 2013. In linea di massima posso dire che il personale dipendente seguirà la medesima sorte delle funzioni amministrative. Se il futuro ente intermedio sarà potenziato, gli attuali uffici vedranno aumentare il proprio organico, penso al trasferimento delle funzioni dell’ATO idrico e dell’Istituto Case Popolari. Se invece alcuni funzioni oggi esercitate dalla Provincia saranno trasferite alla Regione e ai Comuni è evidente che il personale impegnato in questi settori sarà trasferito di conseguenza. Comunque vada, questi processi richiederanno una preventiva rideterminazione della dotazione organica del futuro Libero consorzio di comuni e, pertanto, una fase concertativa con le organizzazione sindacali anche per governare eventuali processi di eccedenza del personale dipendente.

Quali saranno le ricadute istituzionali sul territorio provinciale?

Nel breve periodo ci saranno dei contraccolpi solo su Prefettura e Questura che subiranno un declassamento. Nel medio e lungo periodo mi aspetto dei contraccolpi su tutte le Pubbliche Amministrazioni che esercitano funzioni in ambito provinciale. Mi riferisco agli Uffici periferici della Regione (Soprintendenza, Genio Civile, Ispettorato del Lavoro ecc…), agli Uffici Giudiziari, ma anche all’attuale Azienda Sanitaria Provinciale. Gli effetti collaterali investiranno anche i corpi intermedi, ordini professionali, associazioni datoriali di categoria, e organizzazioni sindacali. Basti pensare che la CISL ha già anticipato un processo di aggregazione territoriale con la provincia di Caltanissetta.

E alcuni Enti particolari come il Consorzio Universitario e l’Autodromo di Pergusa?

Sarà difficile mantenere la partecipazione del futuro Libero Consorzio in questi due Consorzi. La Provincia, in quanto ente territoriale di governo, ha competenze rappresentative della generalità degli interessi sociali, economici e culturali delle comunità amministrate e questa attribuzione le consente di impegnare risorse proprie anche per finalità non strettamente connesse all’esercizio di funzioni istituzionali. Il futuro Libero consorzio, che notoriamente non sarà un ente territoriale di governo ma solamente un ente consortile privo di autonomia politica, non potrà più giustificare gli impegni assunti precedentemente dalla Provincia.

Stesso ragionamento vale per l’Università Kore?

Diciamo di sì, ma non tanto per la gestione, che attraverso la fondazione Kore potrebbe emanciparsi definitivamente dal Consorzio Ennese Universitario la cui maggioranza delle quote è ancora oggi detenuta dalla Provincia, ma per il patrimonio immobiliare. Ora, mentre per i motivi già detti la Provincia può continuare a disporre dei locali che utilizza la Kore attraverso un comodato d’uso gratuito o dietro il pagamento di un canone di locazione ridotto rispetto al valore di mercato, attesa l’evidente finalità pubblica dell’Università, stessa facoltà non potrà essere riconosciuta al Libero consorzio di comuni. Solo gli Enti locali (Comuni e Province) sono abilitati ad agire per lo sviluppo indistinto delle comunità amministrate. 

 

 

 

Check Also

Enna. La Kore rinnova i propri organi di governo

Enna. La Kore rinnova i propri organi di governo di Massimo Greco E’ tempo di …