venerdì , Settembre 24 2021

TACI! il nemico ti ascolta

”TACI il nemico ti ascolta” (manifesto ingiuntivo durante la guerra). Rievocando i settanta anni dell’invasione della nostra Isola ci si accorge che la nazione che maggiormente ebbe bisogno d’essere allertata sulla pericolosità di gossip, sproloqui e conversazione da bar dello sport fu l’Italia. Di fatto i servizi di “intelligence” del nemico ma anche dello (allora) amico tedesco non ebbero mai problemi nel conoscere vita e possibili miracoli – mai accaduti – del nostro paese. Ne parlo perché è attitudine nostrana, al top in Sicilia dove, la”gastima”- peggiore é infatti ”pepita maligna nella lingua”!
Ma quanto nel passato avvenuto é solo “apostrofo roseo” del modo d’oggi fatto “24/24” ore di parole pronunciate, dette, urlate più o meno saccentemente e sguaiatamente in ogni luogo nessuno escluso. Un’incontinenza verbale patologica, una Babele locutoria che induce “i frostieri” a non capire nulla di ciò che accade e dunque emettere giudizi errati dei quali poi ci lamentiamo.
Accadono cose strane: un Papa che nei primi 100 giorni del suo regno pare abbia detto più cose – non entro nel merito – di tutti i suoi predecessori; una classe politica che pedissequamente ripete le stesse cose, ma allungandone sempre più ogni volta il brodo forse per amnesia delle cose già dette; una magistratura che a sentenze scritte magari dopo sei anni (é accaduto) preferisce parlare, anche sopra le righe; condannati che indirizzano video messaggi – (promozionali?) anziché chiudersi in doverosi silenzi; talk show ad ogni ora del giorno – e notte – con carri di Tespi ben coltivati da ogni conduttore e gente che interviene in diretta che neanche nell’agorà tanto avveniva.
Tutto ciò mentre il paese ha la più grande disoccupazione sopratutto giovanile degli ultimi secoli, una economia già dentro il baratro, una autorevolezza da fogna nera con ambasciatori che vanno alla Farnesina a dettare ciò che i loro paesi vogliono (e sono accontentati!) provincie eliminate ma non troppo e non dappertutto, e poi tutti indagati o da indagare. Il “silenzio d’oro”, dati i prezzi dello stesso, già alienato.
“Taci sulle soglie del bosco non odo parole che dici umane…” Ma D’Annunzio fu vate e non profeta. Peccato: l’Italia avrebbe evitato serial di umiliazioni.

Pino Grimaldi

Check Also

La Lega di governo vuol limitare i danni del suo segretario Salvini

La Lega, una partito di lotta e di governo? Lo fanno pensare le prese di …