giovedì , Ottobre 6 2022

“Addio vita mia” il doloroso episodio del suicidio

Lunedì mattina si sono svolti nella chiesa madre di Leonforte i funerali della cinquantatreenne che gettandosi dalle scale dell’ospedale Ferro/Branciforti/Capra ha scosso l’intera comunità paesana. Di qualche giorno fa è pure la notizia di un’altra morte che gli inquirenti attribuiscono a suicidio, un leonfortese da tempo trasferitosi nel bolognese. A Roma intanto un quattordicenne si getta dal terrazzo di casa perché deriso e emarginato dal gruppo. E’ la morte di chi prova, improvvisamente, l’irruenza dell’assurdo che travolge il normale procedere della quotidianità. Indagare o anche soffermarsi troppo sul significato di questi gesti risulterebbe irrispettoso, ma interrogarsi sulla carenza di reti di assistenza, necessari a chi vive un momento di difficoltà o di travaglio interiore ci pare necessario. Sottovoce certo, ma con determinazione dobbiamo pretendere dallo Stato, troppo spesso assente o vessatorio, una presenza forte nell’assistenza sociale. Sempre e senza sosta.
Esiste poi un suicidio a cui nessuno può porre un margine. E’ il suicidio filosofico. Condannarsi a esso è cosa assai peggiore che uccidersi. Il suicidio filosofico è il suicidio del pensiero, della critica, dell’abbandono della Ragione. E’ il suicidio filosofico che permette a dogmi e superstizioni di prevaricare ogni forma di pensiero logico. E’ il suicidio filosofico che provoca violenze, guerre e conflitti chi si suicida filosoficamente non scenderà mai a patti con l’altra parte, non si lascerà mai convincere, vedendo nell’altro esclusivamente un rivale, che deve soccombere, perché è lo sbagliato dinanzi al giusto che esso rappresenta.
Quanti lo hanno già praticato senza averne avuto coscienza?

Gabriella Grasso

Check Also

Femminicidio di Stato

Femminicidio di Stato di Massimo Greco In una una visione contrattualistica, lo Stato si sta …