sabato , Giugno 22 2024

A Pollina si promuovono le De.Co.(Denominazioni Comunali)

De.co siciliaIl territorio madonita adotta il percorso di programmazione partecipata GeniusLoci De.Co Sicilia per la valorizzazione e la salvaguardia dell’identità dei territori.

Nell’ambito delle manifestazioni legate alla Sagra della manna, si è svolta a Pollina, presso l’Aula Consiliare, la tavola rotonda sul tema: “La valorizzazione dell’identità del territorio attraverso le Denominazioni Comunali”. Pollina e la Sagra quest’anno avranno l’onore di ospitare i Fratelli Fiasconaro per l’anteprima internazionale de l’Oro di Manna, il nuovo prodotto dolciario dei mastri pasticceri castelbuonesi. Penso che l’impegno della politica debba essere proprio questo, collegare e mettere in rete esperienze, rarità e idee del territorio, per questo ogni giorno mi batto da Sindaco e da Deputato. La vera forza è sapere che in questo percorso si è in tanti e che le Madonie rispondono in maniera concreta alle sfide del futuro. Per questo, e per fare questo le De.Co. sono uno strumento formidabile, afferma l’On Magda Culotta

Per Nino Sutera, il valore di una De.Co. è quello di fissare, in un dato momento storico, ciò che identifica quel Comune. A memoria futura, oppure come occasione del presente per cogliere un’opportunità di marketing. I prodotti agro-alimentari e artigianali racchiudono al loro interno tradizione, cultura, valori, conoscenza locale, e, forse la cosa più importante, l’autenticità del loro territorio di origine. Considerato, inoltre, che i produttori agricoli, ma anche gli artigiani costituiscono il collante tra i prodotti e il territorio, rappresentano infatti gli ereditieri di un “savoir faire” locale, portatori di valori specifici, artefici di una costruzione sociale e di una cooperazione che ha come risultato la qualificazione di un prodotto di cui i riferimenti sono l’identità. L’identità é valore incommensurabile, il prodotto può essere copiato, l’identità di un territorio no.

“Le De.co. – ha dichiarato il presidente del Gal Isc Madonie, Bartolo Vienna – rappresentano un alto valore identitario per una Comunità importante strumento di salvaguardia delle produzioni e mezzo per promuovere le specificità con le quali una comunità si identifica, da quelle culturali e storiche a quelle enogastronomiche, offrendo una sicura tracciabilità e consolidando l’identità possono favorire l’indotto turistico captando l’attenzione dei “gastronauti”, i nuovi fruitori di un turismo di qualità”

Il percorso di programmazione partecipata GeniusLoci De.Co per la Sicilia, elaborato dalla Libera Università Rurale Saper&Sapor ha dichiarato Giuseppe Bivona, inserito tra gli esempi virtuosi del Forum Italiano dei Movimenti per la terra e il paesaggio e presentato al Poster Session del Forum Pa 2013 di Roma, prevede un modello di De.Co per la Sicilia, dove gli elementi essenziali di relazionalità sono: territorio, tradizioni, tipicità, tracciabilità, trasparenza, che rappresentano la vera componente innovativa.

I relatori che si sono avvicendati nel proporre interessantissimi spunti di riflessione sul trinomio: Identità-Cibo-Salute: Bartolo Vienna, Francesca Cerami e Giuseppe Carrubba, Maria Luisa Virga, Giuseppe Bivona, Rosario Schicchi, Peppuccio Bonomo, Alessandro Ficile, Dario Costanzo e Nino Sutera

Infine, ma non per questo meno importanti, coloro i quali hanno onorato della loro presenza come platea interessata e partecipativa: la nutrita pattuglia del GAL Metropoliest/Amministratori Comune di Casteldaccia, Sen. Bartolo Fazio (I.di.med.), Nicola Fiasconaro (maestro pasticciere -Castelbuono), Luciano Luciani (Ist. Fernando Santi), Antonio Mesi (C.d.A. GAL Madonie), Russo Daniela (Comune di Castellana Sicula), Giusi Arena (Comune di Castelbuono), Grazia Guarcello, Salvatore Guarraia e Lucia Cicero (Ass.to reg.le risorse agricole e alimentari), Giovanni Meli (Ente Parco delle Madonie/Comune di Collesano) Giulio Gelardi, Valerio Norata, Mario Cicero, Tommaso Di Prima, sig. Cassataro, sig. Raimondo, (frassinicultori), Maria Teresa Vacca (agronomo), e tanti altri operatori dello sviluppo locale.

Maria Luisa Virga, nel definire le De.Co l’anima di un territorio che pulsa ed è vitale, ha fatto una carrellata dei prodotti identitari dell’area madonita, proponendo la necessità della costituzione un tavolo tecnico-politico.

E’ stato un momento importante per delineare le procedure di attivazione del percorso per il riconoscimento delle De.Co., ambasciatori dell’identità territoriale e di promozione del prodotto territorio, mi pare che il primo passo sia stato fatto e che ci sia unità di vedute e di intenti, dice Dario Costanzo, Responsabile di Piano del Gal Madonie.

Check Also

Microalghe come biosensori per il rilevamento di metalli pesanti nell’acqua

Microalghe come biosensori per il rilevamento di metalli pesanti nell’acqua Un team di ricerca dell’Istituto …