sabato , Novembre 26 2022

10 settembre: San Nicola da Tolentino

Tanto è ladro chi ruba che chi tiene il sacco

Nicola da Tolentino, al secolo Nicola di Compagnone, nacque nel 1245 a Castel Sant’Angelo (oggi Sant’Angelo in Pontano), un comune in provincia di Macerata. I suoi genitori, i cui nomi potrebbero essere Compagnono de Guarutti e Amata de Guidiani (ma i cognomi potrebbero semplicemente indicare i loro luoghi di nascita), erano gente pia. La leggenda della sua vita, rappresentata da un ignoto pittore giottesco detto Maestro della Cappella di San Nicola, narra come i suoi genitori, ormai anziani, si fossero recati a Bari, su consiglio di un angelo, in pellegrinaggio alla tomba di S. Nicola di Mira, o di Bari, per avere la grazia di un figlio. Ritornati a Castel Sant’Angelo ebbero il figlio desiderato e, ritenendo di aver ricevuto la grazia richiesta, lo chiamarono Nicola. Il giovane Nicola entrò nell’Ordine degli Eremitani di S. Agostino. Si distinse a tal punto nei suoi studi che, prima che essi fossero compiuti, venne fatto canonico della chiesa di San Salvatore. Ascoltando una predica di un eremita agostiniano sulla frase latina «Nolite diligere mundum, nec ea quae sunt in mundo, quia mundus transit et concupiscenzia ejus» (“non amate il mondo, né le cose che sono del mondo, perché il mondo passa e passa la sua concupiscenza”), avvertì la chiamata alla vita religiosa. Implorò allora l’eremita di ammetterlo nel proprio ordine, e i suoi genitori acconsentirono con gioia. Già prima della sua ordinazione venne mandato in diversi monasteri dell’ordine: S. Ginesio, Recanati, Macerata ed altri; i biografi mettono in evidenza che fu un modello di generoso impegno verso la perfezione. Fece la sua professione religiosa (voti solenni) a meno di diciannove anni e nel 1269 fu ordinato sacerdote. Dopo la sua ordinazione, predicò soprattutto a Tolentino, dove fu trasferito intorno al 1275. Trascorse gli ultimi 30 anni della sua vita, predicando quasi ogni giorno. Sebbene negli ultimi anni la malattia mise alla prova la sua sopportazione, continuò le sue mortificazioni quasi fino al momento della morte. I devoti ne ricordano la mitezza, l’ingenua semplicità e la dedizione per la verginità, che non tradì mai, custodendola con la preghiera e la mortificazione.
Nel convento di S. Agostino di Tolentino rimase fino alla sua morte avvenuta il 10 settembre 1305. Il processo di canonizzazione iniziò nel 1325 sotto Pp Giovanni XXII (Jacques Duèse, 1316-1334), ma si concluse soltanto nel 1446, per le vicende della Chiesa (Avignone, scisma d’Occidente), sotto Pp Eugenio IV (Gabriele Condulmer, 1431-1447). Tuttavia già fin dalla metà del ‘300 veniva raffigurato con l’aureola. È considerato un santo mariano poiché sostenne di avere la visione degli angeli che trasportavano la Santa Casa di Loreto nella città marchigiana il 10 dicembre del 1294. La sua protezione è invocata dai devoti per gli appestati, i naufraghi e i carcerati, ma in particolare per le anime del Purgatorio. S. Nicola fu anche un famoso esorcista, uno dei pannelli della sua vita, affrescati nel Cappellone di Tolentino, mostra proprio Nicola che libera una donna indemoniata; questa sua facoltà rimase integra anche dopo la sua morte, visto che numerosi ex voto lo indicano come guaritore di indemoniati; la devozione al santo iniziò appena dopo la sua morte.
Molteplici sono i racconti entrati a far parte della tradizione dei luoghi della giovinezza di San Nicola, in particolare nel paese natale in cui tutt’oggi è radicata una forte devozione.
• Si racconta che, nel tragitto da Castel Sant’Angelo a Tolentino, trovandosi a passare nella città di San Ginesio, imponendo le mani impedì il crollo di una parte della cinta muraria, che ancora oggi si conserva integra.
• Sempre durante un tragitto verso il monastero, trovandosi in ritardo, impose le mani per fermare il sole fino a quando non fosse arrivato a destinazione (in modo simile a quanto accadde a Giosuè).
• Il ponte del diavolo di Tolentino è chiamato così in ricordo della leggenda secondo cui il diavolo stipulò un patto con San Nicola, dicendogli che avrebbe costruito un ponte in una sola notte in cambio dell’anima del primo essere vivente che lo avesse attraversato. Il santo accettò il patto e, a costruzione ultimata, benedisse il ponte. Poi, attese che si avvicinasse un cane e gettò del cibo in terra dall’altra parte del ponte, costringendo l’animale ad attraversarlo. Il diavolo, accecato d’ira, tentò invano di distruggere a forza di cornate il ponte, ormai benedetto.
Significato del nome Nicola: “vincitore tra il popolo” (greco).

Oggi si celebrano anche:
S. Nemesio di Alessandria, Martire († 251)
S. Pulcheria di Costantinopoli (399-453), Imperatrice
S. Teodardo, Vescovo di Tongres e martire († cc 670)
BB. Sebastiano Kimura, Francesco Morales e 50 compagni, Martiri († 1622)
S. Ambrogio Edoardo Barlow (1585-1641), Sacerdote benedettino e martire
B. Giacomo Gagnot (1753-1794), Sacerdote carmelitano e martire

************************************************
Jesus Christus, heri et hodie, ipse est in saecula!

^^^
1935, Charles Richter stabilisce l’omonima scala dell’intensità, dei terremoti. Fino a questo momento la misura dell’entità di un terremoto avveniva con l’osservazione dei suoi effetti, attraverso la scala Mercalli. Il geofisico americano elabora invece una misura più scientifica dei sismi, basandosi sulla”magnitudo”, cioè l’energia trasmessa attraverso l’accelerazione massima delle onde sismiche. La scala Richter è basata sul rapporto tra il logaritmo della massima ampiezza della scossa e quello di una scossa campione. La scala ha 12 gradi

compleanni
1887 Giovanni Gronchi
1945 Josè Feliciano
1955 Gianina Facio

proverbio
I partiti fanno andare gli uomini in galera e le nazioni in rovina

accadde oggi
1898 la principessa Elisabetta d’Austria, Sissi, viene uccisa in Svizzera da un anarchico italiano

frase celebre
“Il genere le buone famiglie sono peggiori delle altre”
Anthony Hope, Il prigioniero di Zenda

consiglio
Il collarino con targhetta
Se i vostri animali di casa hanno l’abitudine di uscire dal territorio per delle passeggiate fuori programma, allora dotateli di collare con targhetta che riporta il vostro indirizzo.

cosa vuol dire
Essere un’apocalisse
Catastrofe, disastro
L’Apocalisse è l’ultimo libro del Nuovo Testamento. Tale libro è attribuito all’evangelista Giovanni. Nell’apocalisse si narrano gli accadimenti catastrofici che annunciano la fine del mondo

 

consiglio per terrazzo orto e giardino

Preparare il terreno per le piantagioni
Molte sono le specie che attendono di venire messe a dimora nel prossimo mese, e occorre quindi preparare per tempo il terreno, vangandolo, ripulendolo dai detriti, concimandolo; si scavano buche per alberi e arbusti, trincee per le siepi, e si migliorano, con l’apporto di terriccio organico, gli spazi destinati alle piccole piante.

Check Also

28 settembre: San Venceslao

Guerra, peste e carestia vanno sempre in compagnia Venceslao (Václav in lingua ceca) nasce a …