domenica , Settembre 26 2021

Catania. San Cristoforo, “ripulire” l’ambiente per spazzare via il degrado

Catania – Per la prima volta dal 1959, da quando la base di Sigonella è operativa in Sicilia, i militari americani fanno tappa nello storico quartiere catanese di San Cristoforo: 23 volontari del reparto logistica “NAVSUP Fleet Logistics Center Sigonella” questa mattina – 20 settembre – hanno ripulito l’area verde esterna del “Plesso Concordia” dell’Istituto comprensivo “Cesare Battisti” insieme a un gruppo di studenti e in sinergia con l’Oikos spa che, oltre a fornire tutti gli strumenti necessari per effettuare la pulizia, ha allestito un info-point con materiale informativo e dimostrativo sulla raccolta differenziata e sui benefici che ne derivano per l’ambiente e per i cittadini. In pochi, infatti, sapevano che dal riciclo della plastica si possono ricavare indumenti e accessori in pile o maglie in tessuto acetate, le stesse che spesso i piccoli calciatori indossano per le partite, o ancora righelli e altro materiale scolastico. Erano circa 600 gli studenti (dalle classi dell’infanzia alle medie) che hanno incontrato i militari volontari, osservandoli e ringraziandoli per l’importante gesto e per l’esempio di educazione civica e sociale, come sottolineato dal dirigente scolastico Maria Paola Iaquinta: «Inauguriamo l’anno scolastico con una significativa azione di democrazia, insegnando ai nostri studenti che l’ambiente in cui vivono è un bene comune che va rispettato e tutelato, con il contributo di tutti. Ringrazio sentitamente il gruppo di volontari e l’Oikos per aver reso possibile questa iniziativa qui a San Cristoforo, contribuendo al nostro percorso di potenziamento e valorizzazione del senso civico e sociale che rivolgiamo ai bambini».

VOLONTARI A SAN CRISTOFORO

Ad impartire brevi lezioni di eco-comunicazione è stato lo staff Oikos, rappresentato dagli operatori e dai delegati Manuela Faro e Andrea Piccione, a dimostrazione dell’impegno costante speso sul campo per sensibilizzare la comunità: «È sempre alta l’attenzione che rivolgiamo ad iniziative di questo genere – ha spiegato Piccone, dell’Ufficio tecnico Oikos – che assumono particolare valore quando sono rivolte ai più giovani, ai quali è bene spiegare il corretto procedimento per il conferimento dei rifiuti, affinché il messaggio entri nelle case e porti a un incremento della differenziata. Giornate come questa ci incoraggiano a proseguire sulla strada della partecipazione attiva a tutela del patrimonio cittadino».

Armati di pinze, sacchi, rastrelli, guanti, scope, palette e tanta buona volontà, i militari hanno ripulito l’intera area, così come accaduto in precedenti occasioni grazie al programma “Community Relations” della Marina USA che li vede costantemente impegnati in attività di volontariato ambientale e di supporto a chiese, parrocchie, mense dei poveri ed enti caritatevoli siciliani. «Per noi la Sicilia è come una seconda casa – ha affermato l’Ufficiale Kristin Lein che cura le pubbliche relazioni per il reparto logistica, presente oggi insieme al Capitano di Fregata Bradley Brooks – qui, come accade in America, vogliamo fare qualcosa per la città che ci ospita, per noi è anche un gesto di ringraziamento e un segno di appartenenza a questa comunità». Dello stesso avviso anche il responsabile Comunicazione della NAS americana Alberto Lunetta che ha sottolineato «l’importanza di compiere un’azione sinergica, grazie alla quale più risorse e competenze si uniscono per la sensibilizzazione e la riqualificazione dell’ambiente, comunicando un messaggio di integrazione e crescita sociale».

Check Also

Nella chiesa di San Rocco di Acireale inaugurazione della mostra di Francesco La Rosa

Sarà inaugurata sabato 10 luglio alle ore 19.00 nella chiesa di San Rocco di Acireale, …