martedì , Novembre 30 2021

Evasione. Anci Sicilia: incontro di studio a palazzo dei Normanni

Anci SiciliaPalermo. Federalismo fiscale, accertamento e riscossione dei tributi locali, centralità della lotta all’evasione per il riequilibrio dei bilanci pubblici: sono questi alcuni degli argomenti oggetto dell’incontro di studio “Andamento della finanza pubblica e contrasto all’evasione”, in programma il prossimo 4 ottobre alle 9.30 nella Sala Gialla di Palazzo dei Normanni.

Oltre al direttore regionale delle Entrate della Sicilia, Antonino Gentile, e al segretario generale dell’AnciSicilia, Mario Emanuele Alvano, parteciperanno all’evento il vicepresidente dell’Ars, Salvo Pogliese, che introdurrà i lavori, il capo dipartimento Riforme Istituzionali della Presidenza del Consiglio, Luca Antonini, il Presidente della sezione di controllo della Corte dei conti Maurizio Graffeo e il prof. La Scala dell’università di Palermo. Concluderà l’assessore regionale dell’Economia, Luca Bianchi. Modererà i lavori il capo redattore centrale de “Il Sole 24 Ore”, Salvatore Padula.

“Nell’ottica del graduale passaggio da una finanza derivata alla fiscalizzazione dei trasferimenti statali e regionali – spiega Mario Emanuele Alvano, segretario generale dell’Anci Sicilia – nasce la necessità che i comuni gestiscano in maniera più efficace l’accertamento e la riscossione dei tributi locali, ciò rappresenta un passaggio indispensabile per gli enti locali in un momento così difficile sotto il profilo economico-finanzario. In questo contesto, l’azione di contrasto all’evasione fiscale costituisce uno strumento per fare arrivare nelle casse comunali ulteriori risorse finanziarie. Siamo soddisfatti di aver organizzato un convegno di alto prestigio – conclude Alvano – che ribadisce l’impegno della nostra associazione nel fornire alle amministrazioni locali, attraverso seminari e giornate di studi, strumenti idonei per orientarsi in un settore complesso come quello finanziario e tributario”.

Secondo il direttore regionale dell’Agenzia delle Entrate, Antonino Gentile, ” una delle principali fonti di finanziamento deve essere il recupero dell’evasione. Si tratta di fare rete e utilizzare le conoscenze dei fatti evasivi in una logica di multi – utilità per gli accertamenti di competenza dei diversi enti impositori. In Sicilia, la Regione, l’AnciSicilia, l’Agenzia delle entrate e la Guardia di finanza hanno stretto una forte alleanza antievasione e predisposto dei percorsi investigativi per sviluppare la partecipazione dei comuni all’accertamento dei tributi erariali”.

Check Also

Simulare il mondo quantistico dei laser con atomi ultrafreddi

Rivoluzionare l’utilizzo dei laser, rendendoli componenti chiave delle tecnologie quantistiche: dalla sensoristica alla comunicazione, fino …