venerdì , Agosto 19 2022

28 dicembre: San Gaspare del Bufalo

Al toccar dei tasti si conosce l’organista

Gaspare del Bufalo nacque a Roma il 6 gennaio 1786 da Antonio, che era cuoco dei Principi Altieri, e da Annunziata Quartieroni. Fin dai primi anni si fece notare per una vita dedita alla preghiera ed alla penitenza e per segni, non dubbi, della chiamata alla vita religiosa. Completati gli studi presso il Collegio Romano che in quei tempi, data la soppressione della Compagnia di Gesù, era diretto dal clero secolare, nel 1798 indossò l’abito talare e si diede ad organizzare opere di assistenza spirituale e materiale a favore dei bisognosi. Si deve a lui la rinascita dell’Opera di S. Galla, della quale fu eletto direttore nel 1806. Ordinato sacerdote il 31 luglio 1808, intensificò l’apostolato fra le classi popolari fondando il primo oratorio in S. Maria in Pincis e specializzandosi nell’evangelizzazione dei “barozzari”, carrettieri e contadini della campagna romana, che avevano i loro depositi di fieno nel Foro Romano, chiamato allora Campo Vaccino. Fra il 1809 ed 1810, dopo che Napoleone Bonaparte aveva occupato Roma, Gaspare, fedele a Pp Pio VII (Barnaba Chiaramonti, 1800-1823) e alla Chiesa romana, rifiutò di prestare giuramento di fedeltà all’Imperatore (“Non debbo, non posso, non voglio” disse laconicamente). Seguì, quindi, la sorte del suo pontefice e fu costretto all’esilio dapprima a Piacenza e poi, imprigionato a Bologna, Imola e Lugo. Tornato a Roma nei primi mesi del 1814, dopo la caduta di Napoleone, mise le sue forze e la sua vita al servizio del papa. Pio VII gli diede l’ordine di dedicarsi alle missioni popolari per la restaurazione religiosa e morale dell’Italia e Gaspare abbandonò la città, la famiglia ed ogni altro suo progetto per dedicarsi totalmente al ministero assegnatogli, al quale attese per tutto il resto della sua vita, con zelo instancabile. Quale mezzo efficacissimo per promuovere la conversione dei peccatori, per debellare lo spirito di empietà e di irreligione, scelse la devozione al Sangue Preziosissimo di Gesú e ne divenne ardentissimo apostolo. Per meglio raggiungere il suo nobile intento, il 15 agosto 1815 fondò la “Congregazione dei Missionari del Preziosissimo Sangue”, a cui si iscrissero uomini di grande santità, come il servo di Dio Giovanni Merlini, Giovanni Mastai Ferretti (il futuro Pio IX), Biagio Valentini, Vincenzo Tani ed altri ancora, morti in concetto di santità. Nel 1834, inoltre, diede inizio all’Istituto delle “Suore Adoratrici del Preziosissimo Sangue”, coadiuvato suor Maria De Mattias (canonizzata il 18 maggio 2003), che egli stesso aveva chiamato a tale missione. Le due famiglie religiose trovarono il terreno fecondatore nella “Pia Unione del Preziosissimo Sangue”, oggi “Unio Sanguis Christi”, che, insieme con Francesco Albertini, Gaspare aveva istituito fin dal 1808, a vantaggio di tutti i fedeli, e che si era propagata in Italia e all’estero. L’apostolato di Gaspare, segnato da fatiche e sofferenze non comuni, benedetto da Dio con frequenti manifestazioni soprannaturali, fu di enorme efficacia. Al suo passaggio fiorivano la fede e la pietà cristiana, cessavano gli odi e il malcostume, si verificavano strepitose conversioni. Sostenne con straordinario coraggio la lotta accanita che gli mossero le società segrete, in particolare la massoneria. Ma nonostante le loro minacce e gli attentati alla sua stessa vita, non cessò mai di predicare apertamente contro tali sette, fucine di rabbioso laicismo ateo; convertì intere logge massoniche e non si stancò di mettere in guardia il popolo contro la loro propaganda satanica. Per questo era chiamato col titolo glorioso di “martello dei settari”. Chiamato dai fedeli Angelo della pace, Terremoto spirituale, Vittima della carità, Gaspare ispirò la sua azione a quella di S. Francesco Saverio. È ricordato anche come il predicatore dei briganti, ovvero dei malavitosi che andò ad evangelizzare e a convertire nei rifugi sui monti posti fra il Lazio e la Campania. Morí a Roma il 28 dicembre 1837, in una stanza del palazzo Orsini sopra il Teatro Marcello. S. Vincenzo Pallotti vide la sua anima salire al cielo in forma di stella luminosa e Gesù venirle incontro. Fu beatificato da S. Pio X (Giuseppe Sarto, 1903-1914) il 18 dicembre 1904 e canonizzato dal Venerabile Pio XII (Eugenio Pacelli, 1939-1958) il 12 giugno 1954. Il Beato Papa Giovanni XXIII (Angelo Giuseppe Roncalli, 1958-1963), nel discorso tenuto in S. Pietro il 31 gennaio 1960 per la chiusura del sinodo romano, definì S. Gaspare: “Gloria tutta splendente del clero romano, che fu il vero e più grande apostolo della devozione al Preziosissimo Sangue di Gesù nel mondo”. A lui è intitolata una parrocchia romana nel quartiere Tuscolano e numerose scuole e ospedali sparsi nel mondo grazie alla grande affabilità dei Missionari da lui fondati.
Significato del nome Gaspare: “amabile maestro” (persiano).

Oggi si celebrano anche:
S. CATERINA Volpicelli, Vergine, fondatrice «Ancelle del Sacro Cuore»
B. Mattia Nazzareni (Matelica, Macerata 1253-1320), Badessa
B. Gregorio Khomyšyn (1867-1945), Vescovo e martire in Ucraina
SS. Innocenti, martiri

************************************************
Padre nostro, fa’ che amiamo questo nostro tempo e vi leggiamo sempre i segni del Tuo Amore.
Christus vincit,Christus regnat,Christus imperat.

^^^
1869, William Semple brevetta la gomma da masticare. L’inventore americano ottiene il brevetto per una miscela di caucciù, zucchero e aromi, il primo ‘chewing gum’. Le prime gomme da masticare, sotto forma di palline, saranno vendute nel febbraio 1871 nel New Jersey. Nel 1928 l’americano Diemer inventerà la gomma da masticare che fa le bolle, messa in vendita con il nome ‘Double Bubblè

compleanni
1942 Paul Horowitz
1954 Denzel Washington
1962 Michel Petrucciani

proverbio
In casa non c’è che un servo, e si chiama padrone

accadde oggi
1895 viene proiettata a Parigi la prima pellicola cinematografica della storia dai fratelli Lumière

frase celebre
“Ci sono momenti in cui tutto va bene: non ti spaventare, non dura”
Jules Renard, Diario

consiglio
Se gocciola il rubinetto
Se succede di notte e lo sgocciolio non vi lascia dormire, avvolgere uno straccio intorno alla bocca del rubinetto. Oppure legate al rubinetto un pezzo di spago e infilate l’altra estremità nello scarico. L’acqua scivolerà lungo lo spago senza fare rumore finchè non farete riparare il rubinetto.

cosa vuol dire
Dietro le quinte
Di nascosto
La frase è tratta dal gergo del teatro. La quinta è il telaio decorato posto ai lati della scena per dare un’idea di prospettiva e per permettere il passaggio degli attori

consiglio per terrazzo orto e giardino
Contro le erbacce
Le erbacce provocano il soffocamento della radice delle piante coltivate (in terra o in vaso). Non tutto il male però vien per nuocere: sotto alle erbacce, infatti, il terreno si mantiene umido e quindi migliore per la pianta. Una buona norma è estirpare le erbacce il prima possibile, avendo cura di sfilarle dolcemente per poter togliere con esse il loro intero corredo di radici.

Check Also

29 dicembre: San Tommaso Becket

Vizio per natura – fino alla fossa dura Tommaso, al secolo Thomas, Becket nacque a …