sabato , Agosto 20 2022

8 gennaio: San Lorenzo Giustiniani

Dopo l’errore – ogni asino è dottore

Lorenzo Giustiniani, di nobilissima famiglia, nacque a Venezia il 1° luglio 1381. La sua educazione culturale-letteraria, per tradizione di famiglia, fu ben curata. A 19 anni fu introdotto dallo zio materno Marino Querini a S. Giorgio in Alga dove alla fine del trecento era sorto un convento di Agostiniani il cui priore era, dal 1397, Ludovico Barbo. Questi accolse nel convento, rimasto vuoto, un gruppo di giovani ecclesiastici e la sua fondazione fu riconosciuta nel 1404 da Pp Bonifacio IX come “Congregazione dei Canonici Secolari”. Proprio in quell’epoca Lorenzo, già diacono, vi chiese l’ammissione. Capo del gruppo era Gabriele Condulmer (il futuro Pp Eugenio IV) che però venne richiamato due anni dopo a Roma. Lo sostituì lo stesso Ludovico Barbo, ma anche questi dovette partire nel 1406 perché fu eletto abate di S. Giustina di Padova. Si impose così la figura di Lorenzo, sacerdote nel 1405. Ha scarse doti di oratore, ma, da un lato, “predica” con molta efficacia, continuando a girare con saio e bisaccia e, dall’altro, scrivendo instancabilmente. Nel 1407 fu superiore a Vicenza; nel 1409, 1413 e 1418 fu a S. Giorgio in Alga. Nel 1419, raggiunta la pienezza della maturità, cominciò la sua opera di scrittore : scrive per i dotti e per gli ignoranti, trattati teologici e opuscoletti popolari, offrendo a tutti una guida alla riforma personale nel credere e nel praticare. Spinge i fedeli a recuperare il senso di comunione con tutta la Chiesa, anima la fiducia nella misericordia di Dio piuttosto che il timore per la sua giustizia. Nel 1424 venne riconosciuto, alle diverse case unite, il titolo di Congregazione e Lorenzo fu per ben tre volte il superiore generale (1424-1429-1431). Pp Eugenio IV (il Gabriele Condulmer di cui sopra) lo nominò vescovo di Castello l’11 maggio 1433. Dalla vita contemplativa a quella attiva, Lorenzo fu un perfetto uomo di governo, sensibile a tutti i bisogni del suo tempo, disponibile con tutti e per tutti. Aveva un’attenzione tutta particolare per i poveri, fino a contrarre per essi dei debiti senza avere altra garanzia per pagarli che la sua fede nel Signore. Il successore di Pp Eugenio IV, Pp Niccolò V (Tommaso Parentucelli), nel 1451 soppresse la sede vescovile di Castello e la patriarcale di Grado, e diede a Lorenzo Giustiniani il titolo di Patriarca di Venezia: il primo. Vengono i tempi duri della lotta contro i Turchi: nel 1453 cade in mano loro Costantinopoli, e “a Venezia è tutto un pianto, non si sa che fare”, come scrive un testimone. Lorenzo Giustiniani va avanti con rigore nell’opera di riforma inimicandosi, qualche volta, il Senato, altre volte i preti. Affascina i veneziani che già lo ritengono per santo ed infatti, alla sua morte, avvenuta l’8 gennaio 1456, il suo corpo rimase esposto alla venerazione dei fedeli per ben sessantasette giorni. I veneziani chiesero che i resti rimanessero per sempre nella chiesa di San Pietro in Castello. Lorenzo Giustiniani fu canonizzato da Pp Alessandro VIII (Pietro Vito Ottoboni, veneziano) il 16 ottobre 1690 ma la pubblicazione ufficiale si avrà soltanto con Pp Benedetto XIII (Pietro Francesco Orsini) nel 1727. Di lui restano una quarantina di sermoni e quindici opere scritte tra il 1419 ed il 1455. L’idea dell’ “Eterna Sapienza”, frutto della sua chiamata, è ripresa nei suoi scritti e sermoni, elemento dominante della sua mistica. Nei primi scritti, risalenti al periodo monacale, l’“Eterna Sapienza” guida l’uomo al vertice della perfezione interiore; negli scritti risalenti successivi essa è la sua guida alla perfezione della vita episcopale.
Significato del nome Lorenzo: “nativo di Laurento” (latino).

Oggi si celebrano anche:
_ San Severino
_ San Massimiliano da Pavia
_ Beata Eurosia Fabris Barban

************************************************
Padre nostro, fà che amiamo questo nostro tempo e vi leggiamo sempre i segni del Tuo Amore.
Christus vincit, Christus regnat, Christus imperat.

^^^
1593, Prospero Alpini scopre i sessi delle piante. Il botanico veneto, studiando le palme scopre che le piante hanno un sesso. La sua scoperta consentirà a Linneo di organizzare la prima classificazione delle specie vegetali.

compleanni
1935 Elvis Presley
1948 David Bowie
1955 John Grisham
1969 Paola Pezzo

proverbio
Dio mi guardi da furia di popolo, da cattiva giustizia e da mano di traditore

accadde oggi
1889 viene brevettata la tabulatrice a schede perforate dall’inventore Hollerith. Nasce l’IBM, International Business Machine
1959 Charles De Gaulle diventa presidente della Repubblica Francese
1999 un solo voto salva Bill Clinton, presidente americano, dall’accusa di aver mentito sui rapporti intrattenuti con la stagista Monica Lewinski

frase celebre
“Non scoprire la debolezza è l’artificio della forza”
Emily Dickinson, Poesie

consiglio
Unghie
Se avete il brutto vizio di mangiarle, spennellate le vostre unghie con la radice di genziana. È talmente amara che vi farà passare la voglia di mangiarle ancora. Si trova in erboristeria

cosa vuol dire
Chi semina vento raccoglie tempesta
Chi provoca del male, sarà vittima dello stesso male
Frase di Osea, profeta contadino, che trae l’immagine dalla vita dei campi: “ventum seminabunt, et turbinem metent” (semineranno vento, mieteranno tempesta)

consiglio per terrazzo orto e giardino
Dare aria alle semirustiche. In molte località, il tempo soleggiato provoca la formazione di condensa entro le protezioni di plastica degli arbusti in piena terra ed è quindi necessario iniziare una moderata ventilazione nelle ore più calde, richiudendo poi come prima. L’umidità stagnante durante il giorno si trasforma in acqua gelida che ricade durante la notte sulle foglie, danneggiandole gravemente.

Check Also

29 gennaio: Beata Boleslawa Maria Lament

Nel vaso piccino ci sta l’unguento più fino Boleslawa Maria Lament nacque a Łowicz (Polonia) …