sabato , Ottobre 23 2021

Comune di Basicò

Logo BasicòCentro agricolo delle Caronie settentrionali, giace a circa 520 metri sul livello del mare circondato da un ampio scenario di monti lussureggianti, di noccioleti, castagneti e querceti.

Le origini del paese sono antichissime e il nome deriva probabilmente dalla parola greca “Basilicòn” (tempio).

Basicò fu un semplice casale appartenente a Milazzo fino a quando, Federico II d’Aragona, nel 1310 vi fece costruire un monastero dedicato a S.Chiara. Fino al 1862 il Comune si chiamò Casalnuovo.

Cenni Storici

Un tranquillo borgo medioevale, una splendida vista sul mare, e tutt’attorno una viva memoria storica, tramandata per secoli e rimasta impressa nell’andamento tortuoso dei vicoli, delle piazzatte, dei quartieri che portano nomi francesi come ai tempi degli Angiò.

Basico’, senza dubbio, e’ un luogo in cui il tempo acquista una dimensione particolare, giocata attraverso la trama fitta di continui rimandi che rimbalzano dal Medioevo al Settecento, all’antichità’ preellenica. Le parole sono pietre? A volte e’ vero anche l’opposto: le pietre, alcune pietre, parlano. E riescono a svelare, piu’ di tanti libri, il senso profondo degli eventi di cui la Sicilia e’ stata teatro, il più delle volte suo malgrado. Ma le pietre, specie le più loquaci, bisogna lasciarle raccontare. Cercarle, liberarle, e starle ad ascoltare. Da queste parti, poi, sembra quasi che non aspettino altro. Ecco perché non dovete lasciarvi ingannare dall’aspetto quieto, placido della generosa terra di Basicò. Sotto la scorza ruvida dei conci medievali, sotto le robuste fondamenta delle residenza aristocratiche, le pietre custodiscono un’altra storia, già vecchia e dimenticata molto prima che sbarcassero i primi Normanni. Cercatela, questa verità che freme sotto i palazzi, i casolari di campagna, le fontane. Lo hanno detto in tanti: un paio di metri sotto il livello del selciato che state calpestando proprio ora, mentre entrate in questa cittadina solare ed ospitale, circondata dal verde, si cela la soluzione di un mistero. Un mistero archeologico tra i più fitti in Sicilia.

Basicò1Due sono le ipotesi che si contendono il favore degli storici, circa l’origine di Basico’. La prima fa risalire la formazione del borgo, con un lento processo di sviluppo tipico degli agglomerati rustici, dai preesistenti casali sparsi sul territorio. La seconda accredita l’origine dell’abitato alla presenza di una comunità basiliana e ad un monastero, gia’ intorno al 1150.

La prima teoria e’ quella che convince di più. Soprattutto perché consente di riallacciarsi all’esperienza della fiorente città di Abacena, legata nelle sue vicende a nomi come quello del mitico re Ducezio e ancora dei tiranni siracusani Dionigi e Gerone II.

Della leggendaria roccaforte sicula, che si pensa dovette essere fondata intorno al 1100 a.C. su delle alture strategiche, almeno stando alla derivazione del nome del punico Abac, ossia elevare, sappiamo molto poco. E il poco che sappiamo, vale a dire il groviglio di alleanze, battaglie, vittorie e sconfitte tra cui l’ultima e definitiva, ad opera di Cesare Ottaviano verso il 36 a.C., non riesce a rispondere alla domanda fondamentale: dove? Dove andare a scavare per riportare alla luce Abacena?

Cio’ che gli storici antichi tramandano e’ solo l’area entro cui ne erano compresi i confini, ma in quale sito esattamente sono sepolte le sue vestigia? E a partire da questo punto fondamentale che gli archeologi hanno iniziato a perdere il sonno. Vero e’ che in molti, a partire da Fazello, si sono detti concordi nell’attestare Abacena sotto le mura del castello di Tripi. Ma la soluzione proposta forse e’ solo una mezza verità. Infatti, le evidenze archeologiche rinvenute hanno confermato che sono troppe e troppo evidenti le analogie fra glia attuali territori di Novara di Sicilia, Tripi, Furnari, Montalbano Elicona e Basico’, perché ciò’ non dimostri una matrice comune. Ossia l’eguale derivazione dalla civiltà abacenina.

In che senso? Nel senso che dobbiamo considerare Abacena non tanto come un’unica città strettamente circoscritta, ma piuttosto come un territorio con un sistema organico di piccoli agglomerati urbani ravvicinati, sul modello delle più antiche e celebri città greche organizzate in “ demi “, o di quelle latine.

Che Abacena dovesse essere costituita da tante frazioni si può dedurre da considerazioni strategiche e topografiche, suffragate anche dalle importanti scoperte avvenute proprio nell’attuale territorio di Basico’ che, pertanto, fu anch’esso a pieno titolo Abacena.

Basico’ ha un nome aristocratico. Rimanda al greco Basilikòn, tempio o cappella regale e, come suggeriscono gli storici, fu probabilmente scelto dai Re di Sicilia.

Quel che i sovrani medioevali non potevano sapere e’ che questa parte di Sicilia presenta delle straordinarie attestazioni preistoriche. Capaci di rischiare per un istante il buio fitto dei secoli piu’ lontani. Undicimila primavere conta, per esempio, l’ignoto scheletro femminile rinvenuto nella grotta di S. Teodoro, ad Acquedolci, sulla costa tirrenica. Gli studiosi, che hanno salutato con entusiasmo lo straordinario ritrovamento, l’hanno battezzata Thea. Sara’ forse meno fotografata della piu’ celebre “ collega “ preistorica Lucy, eppure anch’essa avrebbe tanto da raccontarci.

E molto, forse, potrebbe dirci su cio’che ha preceduto le numerose stazioni pre e protostoriche di cui e’ ricco il territorio di Basico’.

Gia’ tra la meta’ e la fine degli anni settanta si sono susseguiti sul territorio diversi ritrovamenti di contrappesi di telaio in argilla, alcuni dei quali sommariamente decorati a incisione. Ne diedero conto fra gli altri anche Luigi Barnabo’ Brea e Madeleine Cavalier, infaticabili ricercatori delle piu’ remote testimonianza archeologiche della “ Sicilia prima dei Greci “.

Cio’ di cui gli studiosi si accorsero subito era che si trattava delle tracce piu’ superficiali di alcune stazioni molto antiche, risalenti al medio e tardo neolitico, ossia al periodo compreso tra la fine del IV e la meta’ del III millennio. I reperti di Monte Pito e Quattrofinaite, in gran parte industria litica e resti ceramici, testimoniano il contatto con le coeve culture oliane, mentre il fatto che si sia trovato molto materiale di risulta e pochi utensili ha fatto pensare ad una frequentazione solo stagionale.

Maldestri scopritori occasionali e tombaroli senza scrupoli hanno invece distrutto per sempre vari resti di tombe a incinerazione, rinvenute a Quattrofinaite e Badiazza, sempre nel territorio basicotano, mentre in contrada Fontana Fondaco esistono tracce murarie di un insediamento di eta’ romano-bizantina.

Basicò2Chiesa di S. Biagio
Chiesa ad una sola navata, risale al cinquecento e conserva un bell’altare maggiore, raffigurante San Biagio vescovo scolpito in legno
Basicò3Cripte ex Chiesa di S. Maria (davanti il Municipio)
Dell’antico edificio sacro, risalente al Duecento, sono visibili solo le cripte, sepolture a nicchia visibili sotto il piano stradale e venute alla luce durante lavori di costruzione dell’attuale Municipio.

Basicò4Altare Chiesa Madre “S. Francesco D’Assisi”

Nuovo altare Maggiore
Monumenti e…angoli di Val Demone fra i più intriganti e misteriosi di Sicilia

  • Cripte Basiliane ( XII secolo ): visibili dall’alto grazie ad una vetrata posta a protezione delle stesse in piazza Santa Maria;
  • Resti del settecentesco Monastero dei Padri Basiliani, lungo la via Roma;
  • Castello De Maria (Cinquecento): rappresenta il classico baglio siciliano, una costruzione di chiara ascendenza araba in cui si trovano coniugati l’aspetto difensivo e quello economico-produttivo propri della residenza feudale. Sui quattro lati del baglio, disposti attorno ad un’ampia corte centrale, si trovano le ali riservate rispettivamente al signore ed al suo seguito, al personale di servizio, agricolo e militare, ed infine alle stalle e ai magazzini.
  • Palazzo Foti ( settecento ): sorge su un più antico complesso quattrocentesco, di cui sono ancora visibili alcuni archi ad ogiva, e fu sede del governatore e dei baroni Foti. Costruito in stile barocco liparoto alla fine del settecento, mostra un bel portale d’ingresso.
  • Vasca abbeveratorio Santa Maria ( 1894 )
  • Fontane antiche sparse in altrettanti quartieri ed ognuna con sorgenti proprie: “Taraveddu”, “Carruggiotto”, “Tri carruggi”
  • Fonti Padedda e Carruggeddu situate fuori dal centro abitato
  • Borgo San Giovanni Galice ( XVIII secolo ): appartenuto ai De Maria, rappresenta la tipica residenza di campagna del signore siciliano, con il casolare e l’annessa cappella.

Fonte: www.comune.basico.me.it

Check Also

Messina: i lavori di scavo restituiscono sette tombe di una necropoli del II secolo A.C.

I lavori di scavo per la realizzazione di un edificio di civile abitazione hanno portato …