domenica , Settembre 19 2021

Comune di Oliveri

Logo OliveriOliveri1Oliveri è un comune italiano di 2.168 abitanti della provincia di Messina in Sicilia.

I luoghi più importanti sono la tonnara, i laghetti di Marinello, e il castello di origine araba.

Il comune sorge alle pendici del monte Tindari e si affaccia sul golfo omonimo, a sud di Capo Tindari. Il suo territorio si estende per 10,46 km².

Cenni Storici

Oliveri4Il primo a tramandare il nome Oliveri fu lo scrittore Edrisi, incaricato dal Gran Conte Ruggero, descrivendo “Labiri (Oliveri) come un bello e grazioso casale, con un grande castello in riva al mare, delle case, delle buone terre da seminare, dei ruscelli perenni sulle sponde dei quali erano impiantati alcuni mulini e con un bel porto nel quale si faceva copiosa pesca di tonno” L’attuale denominazione del paese viene dal condottiero Carlo Oliveris del quale gli abitanti del luogo hanno voluto ricordare la cortesia. Il fatto risale certamente all’epoca in cui, mancando la scrittura, il compito di esaltare le gesta degli eroi era affidata ai poeti popolari, girovaganti per le piazze del paese, che scatenavano le fantasie degli astanti e l’entusiasmo popolare. Il primo nucleo abitativo nei pressi di Oliveri fu fondato sul monte Tindari dai Dori, che fin dall’inizio utilizzarono il paese come centro costiero. Come tutta la Sicilia passò poi sotto il dominio romano e sotto di loro è divenuta nota la grande pescosità del suo mare. Nel 1088, per decreto del Gran Conte Ruggero, il territorio compreso tra i fiumi Elicona e Montagna fino a mare passò nelle mani dei monaci benedettini di Patti. Nel 1360 il Re Ferdinando d’Aragona, per farne regalo al suo secondogenito, staccò dalla concessione fatta ai monaci, il castello, il feudo e la tonnara di Oliveri. Non vi è una data certa della nascita del comune di Oliveri, che avvenne probabilmente tra il 1810 e il 1815; ma si sa per certo che fino al 1857 i territori di Falcone e di Casino di Falcone facevano parte del comune di Oliveri. In seguito si unirono e diedero vita al comune di Falcone. Fino agli anni ’60 la tonnara di Oliveri era una delle più importanti della Sicilia. Oggi il paese ha una vocazione turistica.

Il Castello

Oliveri2Chiuso tra un folto parco boscoso, che quasi lo nasconde, esso appare come misteriosa dimora che abbia celato chissà quali tenebrose vicende. Ma forse la sua storia è invece limpida e serena poiché seppure, nel corso dei secoli, qualcosa di oscuro avvenne tra le sue mura, nulla ce ne tramanda la memoria.

Ricordato da Edrisi al tempo dei normanni, epoca nella quale era chiamato Liviri, esso fu il centro attorno cui sì andò poi formando il borgo, quasi interamente abitato da pescatori specializzati nella cattura dei tonni.

Con gli aragonesi ne fu castellano Ferrano de Abbellis dal quale nel 1360, per concessioni di rè Federico III pervenne a Vinciguerra di Aragona cugino di Federico stesso.

Al tempo di rè Martino ne fu signore Raimondo de Xamer che lo possedette assieme alla sottostante tonnara (1398). Sul 1414 rè Ferdinando di Castiglia ratificò uno scambio, dell’anno 1400, per cui il castello era passato a Federico Spadafora. A questi subentrò Perrono Gioieni alla cui famiglia rimase sino al 1600 circa, epoca nella quale venne venduto ai La Grua. Successivamente posseduto dalla famiglia Zappino fu da questa venduto a Giuseppe Accordino (1693).

Al tempo di rè Martino ne fu signore Raimondo de Xamer che lo possedette assieme alla sottostante tonnara (1398). Sul 1414 rè Ferdinando di Castiglia ratificò uno scambio, dell’anno 1400, per cui il castello era passato a Federico Spadafora. A questi subentrò Perrono Gioieni alla cui famiglia rimase sino al 1600 circa, epoca nella quale venne venduto ai La Grua. Successivamente posseduto dalla famiglia Zappino fu da questa venduto a Giuseppe Accordino (1693).

Nel 1724 venne acquistato da Ludovico Paratore Basilotta principe di Patti e dopo alcuni passaggi ereditari, sul 1803 divenne proprietà di Gaetano Paratore d’Amico principe di Patti.

Da lui castello e titolo passarono alla sorella Eleonora e da questa al fratellastro Domenico Merlo, che, sul 1900 circa, lasciò il castello alla figlia Elena dalla quale ereditò la pronipote e figlia adottiva, Caterina Martorana Bonaccorsi, attuale proprietaria, mentre il titolo dalla figlia primogenita di Domenico Merlo, Marianna, pervenne al di lei nipote generale Domenico Bonaccorsi, attuale principe di Patti.

Il castello sopra una bassa collina, poco lontana dalla spiaggia del Tirreno, è sovrastato dall’altissimo promontorio del Tindari (alla cui base il mare forma piccole, deliziose insenature sempre mutevoli) sul quale sorge il famoso santuario della miracolosa «Madonna nera» venerata in tutta l’isola e le cui antiche leggende affascinano ancora la fantasia popolare.

Secondo Goffredo da Viterbo il nome di Oliveri deriva da uno dei capitani di Carlo Magno chiamato Oliverio, che sarebbe sbarcato in quei pressi.

Fonte: www.comune.oliveri.me.it

Check Also

Messina: i lavori di scavo restituiscono sette tombe di una necropoli del II secolo A.C.

I lavori di scavo per la realizzazione di un edificio di civile abitazione hanno portato …