venerdì , Maggio 7 2021

Comune di Sant’Alessio Siculo

Logo Sant'Alessio_SiculoSant'Alessio Siculo1Centro prettamente turistico che si affaccia sul mare. Anticamente prese il nome di Arghenrion Akron che Tolomeo Alessandrini battezzò “Capo d’argento”.

A destra il paese è delimitato da un promontorio su cui si staglia il castello saraceno del dodicesimo secolo. Il maniero ha pianta poligonale sormontata da un torrione cilindrico. Adesso S. Alessio Siculo è diventato un centro a vocazione turistica, grazie alla sua spiaggia ciottolosa e grazie soprattutto agli insediamenti turistici ed alle strutture alberghiere che sono state realizzate in questi ultimi anni.

A sud, è un susseguirsi di scogli e laghetti che, nell’insenatura di Salò, realizzano l’ideale habitat di pesci pregiati, particolarmente crostacei. Il centro abitato conserva ancora elementi di particolare interesse storico-architettonico: S. Margherita dove si distingue una casermetta borbonica sovrastata da una Trinacria con la testa di Gorgone, cinta da cornucopie e spighe, simbolo di abbondanza e fertilità e con i resti dell’abside di un’antica chiesetta; S. Alessio vecchio con la seicentesca chiesetta del Carmelo, la pieve dei pescatori; “u quarteri ì menzu” con la sua porta del 1770. Pregiati e curati agrumeti nel quartiere Lacco contribuiscono a donare a Sant’Alessio Siculo una cornice profumata di diamantina zagara che fiorisce sugli incontaminati giardini di limone.

Sant'Alessio Siculo2

S. Alessio Siculo ha, inoltre, le sue leggende popolari. Per lo più si tratta di leggende plutoniche, ossia legate a “Truvature” o tesori nascosti sotto terra, originati dall’esistenza di grotte e di faglie formatesi al Capo S. Alessio per la millenaria erosione del mare e delle acque piovane. Anche l’attività piratesca di un tempo e la stessa ubicazione hanno contribuito alla formazione di dette leggende. Particolare e suggestiva la pesca delle costardelle che si pratica nel periodo estivo.

Con un mare pulito, fresco e trasparente, Sant’Alessio Siculo ci fa vivere l’estate sulla sua spiaggia dove il sole brucia ma non scotta, a diretto contatto con le vestigia di un antico passato e di un moderno paese che punta ad occupare un rispettabile posto tra le località turistiche più rinomate.

La Trinacria

Sant'Alessio Siculo3Il nome probabilmente risale al VII secolo A.C. e si riferisce alla denominazione più antica della Sicilia.

Il simbolo, che troviamo riprodotto in un manufatto di ottima fattura sulla facciata di un’ abitazione nel quartiere S. Margherita, è costituito dalla testa della Gorgone, un mostro mitologico della tradizione greca che trasformava in pietra chiunque la guardasse, contornato da tre gambe che simboleggiavano le tre punte dell’ isola siciliana.

U Quarteri i Menzu

Sant'Alessio Siculo4Dell’ antico quartiere rimangono ormai pochi resti tra i quali degno di nota è il caratteristico Portale risalente al XVIII secolo. L’ antica porta d’ accesso al quartiere si apre su una struttura muraria conservatasi solo in parte che presenta sulla sommità un pregevole motivo a volute. Sull’ arco in pietra arenaria si trova ancora incisa sulla chiave di volta scolpita artigianalmente la data dell’ anno della sua costruzione il 1770. Ai piedi del portale è ancora visibile un caratteristico “scifo” per l’ abbeveraggio degli animali scolpito rozzamente in un singolo blocco di pietra.

Le Fornaci

Sant'Alessio Siculo5Con la fine della seconda guerra mondiale anche nel paese di S. Alessio si verificò quel periodo di rinascita economica che caratterizzò la storia dell’ Italia del dopoguerra.

L’ espansione del centro abitato coinvolse tutti i quartieri indistintamente: la pesca e l’ agricoltura continuarono ad essere le attività di primaria importanza, alle quali si affiancava una sempre più fiorente produzione di “Calce Idraulica”, come è testimoniato tutt’ oggi dai resti, quasi tutti in stato di totale abbandono, delle numerose Fornaci disseminate lungo tutto il costone roccioso del Capo S. Alessio.

Fonte: www.comune.santalessiosiculo.me.it

Check Also

Messina. Filarmonica Laudamo: appuntamento con il jazz del Raffaele Genovese Trio

Raffinato appuntamento con il jazz, giovedì 21 novembre 2019 alle ore 19, con il Raffaele Genovese …