venerdì , Ottobre 7 2022

Maschi, femmine e…

bullismo omofobicoSapete voi, distratti da Obama e dal ventennio berlusconiano, che rischia di entrare nelle aule delle nostre scuole un libretto che prevede attività di formazione e sensibilizzazione sul bullismo omofobico? Libello accusato  di voler  instillare preconcetti contro la famiglia e la fede religiosa, in un occidente che si sta già troppo allontanando dai valori di civiltà e dalle ideologie, che si credevano sepolte e dimenticate nel secolo scorso. In realtà si tratterebbe, qualora la cosa si concretizzasse, di un progetto su tematiche che hanno indotto tredicenni al suicidio a causa di  un confuso o vergognoso orientamento sessuale. Già il governo Monti con ministro Fornero in asse col consiglio d’Europa ha provato ad attuare una serie di politiche contro le discriminazioni, spesso ignorate o peggio mal condotte da famiglie fieramente o inconsapevolmente omofobe. Cosa accadrebbe a noi, a noi ignari genitori se i nostri figli ci chiedessero di etero normalità e di rispetto per le differenze? Cosa accadrebbe se i nostri frugoletti ci scoprissero impreparati su argomenti riguardanti il corpo e la sessualità? Come capita a molti ignoranti in tema di greco o latino o fisica delle particelle dovremmo, noi tuttologi dell’inutile, demandare alla  scuola e poi imparare dai nostri stessi figli quegli elementi linguistici e concettuali che ora ci sfuggono.  Concetti che non vogliono indottrinare, ma che vogliono fare chiarezza su cose come: patrimonio genetico, appartenenza biologica, arretratezza mentale e obbligatorietà ad assumere atteggiamenti stereotipi e comunemente performanti.   Concetti che aiutino a non introiettare modelli unici e rigidamente plastici, buoni solo per far sentire sbagliati e inadeguati ragazzini in cerca della propria identità. Tranquillizziamoci  mamme e papà, non sono previsti  giudizi di valore. In Italia  è categoricamente esclusa qualunque possibilità di contemplare la diversità dei comportamenti sessuali,  posizioni diverse dai dati di natura, unici a consentire il fertile e sostanziale  proseguimento della vita sono imbarazzanti, ma esistono e quindi che facciamo? Li ignoriamo e pazienza    se altri preadolescenti si ammazzeranno perché incapaci di omologarsi alla prassi corrente… pazienza: “meglio tossico che froscio” si sa. Comunque la cosa è stata demandata a una commissione e in Italia lo sappiamo tutti quando una questione non vuole essere affrontata si mette in mano a una commissione e per ciò sereni, ne abbiamo scritto solo per evitare di dire ancora di F35 e Muos, ma Renzi a Obama glielo ha poi detto che i siciliani il Muos non lo vogliono? Così come non vorrebbero  aerei supersonici che esplodono a contatto con l’acqua? Faccia lui però, il simpatico e abbronzato amico di Silvio. Noi siamo solo suoi sudditi.
Gabriella Grasso

Check Also

Femminicidio di Stato

Femminicidio di Stato di Massimo Greco In una una visione contrattualistica, lo Stato si sta …