sabato , Luglio 24 2021

Trekking. Escursione a Ficuzza e Rocca Busambra

Rocca BusambraLa Coop. La Quercia Grande propone: Escursione a Ficuzza e Rocca Busambra, “Armonia della natura per la delizia del visitatore”.

Programma domenica 21 settembre:

Ore 9.30, raduno dei partecipanti e accoglienza nella borgata di Ficuzza nei pressi della Real Casina Borbonica; spostamento con mezzi propri verso l’Agriturismo Alpecucco;

Ore 9.45, arrivo al Piano del Fanuso nei pressi della “Quercia Jimmusa” (circa 1070 m s.l.m.) ed inizio del percorso escursionistico verso la Rocca Busambra; il percorso si snoda tra una serie di sentieri e mulattiere che permetteranno di apprezzare in un’unica escursione tutti i tratti più belli della Riserva Naturale Orientata di Ficuzza e della Rocca Busambra: i suggestivi altipiani, le impervie rupi rocciose, i boschi mediterranei di alta quota, le ampie radure e i pascoli.

Ore 12.30 circa, arrivo sulla cima di Rocca Busambra (1610 m s.l.m.): oltre ad ammirare il suggestivo panorama che permette di vedere buona parte del territorio di tutta la Sicilia Occidentale, sarà possibile concederci una mezzoretta di meritato riposo, consumare il frugale pranzo a sacco e fare le foto di gruppo per immortalare il traguardo raggiunto.

Ore 13.00, Inizio percorso di ritorno; tranne qualche breve variante da decidere sul momento il percorso di ritorno si svolgerà quasi tutto sul tracciato di quello in andata

Ore 15.30, visita al Centro di Recupero dei Rapaci della LIPU di Ficuzza. Una guida esperta ci farà vedere i grandi uccelli che dominano i cieli delle montagne della Sicilia: Il falco pecchiaiolo, il gheppio, la poiana, il nibbio e altri uccelli che è difficile osservare da vicino in natura.

Ore 16.30, conclusione della giornata escursionistica, foto ricordo finale e saluti.

Info del trekking:

Difficoltà: Escursionistica medio-alta (sconsigliata la presenza di bambini al di sotto di 12 anni); tempo di percorrenza a piedi (escluse pause e fermate): circa 5 ore; lunghezza complessiva: 11 km circa; dislivello max: 540 mt; quota minima: 1070 m s.l.m.; quota massima: 1610 m s.l.m.; luogo di partenza percorso a piedi: Piano del Fanuso presso “La Quercia Jimmusa”; tipo tracciato: in gran parte su sentiero stretto e accidentato, alcune parti su mulattiera comoda o terreno libero.

Va sottolineato inoltre che il percorso prevede brevi passaggi su tratti rocciosi e su creste non pericolose ma che richiedono un certo impegno fisico anche per l’elevata pendenza, soprattutto nella fase conclusiva del percorso (ultimi 150 m di dislivello).

Note di viaggio:

Munirsi di uno zaino e di abbigliamento adeguato: per i percorsi escursionistici si consigliano scarpe chiuse (da trekking o con suola non scivolosa) e pantaloni resistenti. Secondo le previsioni la giornata dovrebbe essere abbastanza calda ma essendo un percorso che si snoda in gran parte a quota superiore a 1200 m si consiglia di portare comunque qualche indumento per ripararsi da un eventuale giornata ventosa. Sono inoltre caldamente consigliati un cappello e degli occhiali da sole, oltre ad una sufficiente riserva di acqua ed eventuali integratori salini, macchina fotografica e bacchette.

L’escursione sarà diretta da Giuseppe Traina

Check Also

Taormina, la perla dello Ionio: immagine del tramonto

La costa di Giardini Naxos vista dall’alto può far compiere un salto nella storia e …