sabato , Ottobre 1 2022

Leonforte: arriva la sagra

pesca leonforteLeonforte si accinge a omaggiare un frutto che per profumo, sapore e proprietà organolettiche meriterebbe assai più gloria: la pesca settembrina.
Da tempo la sagra, alla pesca ispirata, latita. I peschicultori sono sempre meno, molti preferiscono vendere il prodotto anzitempo, ai mercati esteri o in angoli desueti del paese, su banchetti ancor più desueti.
Folclorici, certo, ma deleteri all’immagine di una sagra che sempre più assomiglia a un mercato rionale.
Una sagra è o dovrebbe essere, il momento di massima espressione dell’ intero paese che l’organizza. Le sagre servono a far conoscere e apprezzare, al forestiero, gli angoli e le prelibatezze del posto. A oggi Leonforte, al forestiero e al paesano, offre solo munnizza e disorganizzazione.
Sarebbe forse il caso di saltarla la sagra per quest’anno?! La pioggia dell’anno scorso coprì le vergogne di cui sopra, ma quest’anno non è detto che provvidamente sopraggiunga e allora che facciamo? I riti propiziatori ancora non si sono affinati e quindi? Ci portiamo a passeggio i turisti fra gli scatoloni che sembrano istallazioni artistiche? pesca tardivaPoggiati da tempo sulle piazze principali, da tutti fotografate e denunciate, ma da nessuno rimosse? Decantiamo le bellezze monumentali di chiese e palazzi, contornati da cassonetti divelti e profumosi di immondizia d’annata o ci inventiamo una storia bella e fantasiosa, sui materassi e le lavatrici adiacenti alla scuola elementare?
Leonforte è sempre stato così sporco o stiamo concorrendo per il peggior borgo d’Italia? Giunti fuori dal paese natio, il leonfortese sa riconoscere il bello e il giusto, ma entro le mura dei Branciforti se ne scorda e allora getta ovunque qualunque cosa, immortala l’altrui sporco e non spazza quello davanti la propria porta; sembra quasi che goda del Nulla che ci sta divorando tutti.
Caro sindaco e carissimi amministratori a me tocca di scrivere che questa vuol essere solo una provocazione, ma al posto vostro, io la prenderei molto sul serio.

Gabriella Grasso

Check Also

Femminicidio di Stato

Femminicidio di Stato di Massimo Greco In una una visione contrattualistica, lo Stato si sta …