venerdì , Agosto 19 2022

Parco delle Madonie, finanziati decine di interventi per tutelare il patrimonio ambientale e storico

parco madonie_Petralia Sottana – E’ stato notificato all’Ente Parco delle Madonie, il decreto di finanziamento relativo alla Misura 323 del Piano di Sviluppo Rurale della Regione Siciliana, avente un importo di €. 548.374,72.

La misura consentirà di realizzare un programma di interventi di tipo integrato e su scala territoriale che interessa 8 comuni del territorio e precisamente: Caltavuturo, Collesano, Montemaggiore Belsito, San Mauro Castelverde, Sciara, Scillato, Roccapalumba oltre al territorio dell’Ente Parco delle Madonie.

Gli interventi possono classificarsi sin 5 categorie: ripristino delle aree e dei siti naturalistici di pregio, ripristino di esemplari arborei monumentali, ripristino di manufatti di pregio della tradizione artigianale e contadina, ripristino di edifici di interesse storico e architettonico e ripristino di edifici di pregio isolati complessi.

Il programma, del quale è capofila il Parco delle Madonie, consentirà un deciso rinnovamento culturale e colturale ed ha coinvolto livelli e sfere diverse: economica, sociale, politica, delle risorse naturali ed ambientali, con l’obiettivo di sviluppare un modello di sviluppo rurale diffuso e sostenibile.

Esso riconosce in pieno il ruolo multifunzionale dell’agricoltura, ovvero della sua capacità di produrre beni e servizi di pubblica utilità, tanto ai fini della tutela, valorizzazione, fruizione del territorio e del suo patrimonio naturale (paesaggistico e genetico) e culturale (storico, architettonico, delle attività tradizionali e artigianali), quanto della sicurezza e della qualità alimentare.

“Una bellissima notizia per tutto il territorio – afferma con grande soddisfazione il presidente dell’Ente Parco delle Madonie Angelo Pizzuto – questa massiccia rete di interventi consentirà di recuperare e mettere a valore buona parte del patrimonio ambientale, paesaggistico e storico delle nostre Madonie. Un ulteriore ed importante passo avanti per fare del nostro comprensorio un fiore all’occhiello ed un modello di turismo sostenibile per l’intero territorio siciliano”

“Il potenziale turistico del territorio – afferma il presidente di So.Svi.Ma. Alessandro Ficile – dipende soprattutto dal patrimonio rurale, dalla sua fruibilità e dalla vivacità della cultura locale. In questo ambito il programma di investimenti consentirà di intervenire concretamente e quindi di recuperare e rendere pienamente funzionali 7 abbeveratoi;ripristinare dal punto di vista filologico ben 3 edifici isolati aventi forte interesse storico-architettonico; recuperare un importante e significativo baglio qual è appunto quello situato all’interno del Villaggio rurale di Botindari di San Mauro Castelverde.

Check Also

Taormina, la perla dello Ionio: immagine del tramonto

La costa di Giardini Naxos vista dall’alto può far compiere un salto nella storia e …