venerdì , Ottobre 7 2022

Enna. Presentato il saggio storico “Enna 1943 – Ricordi di Guerra” di Augusto Lucchese

Enna 1943 Augusto Lucchese (2)Enna. Nella sala del Centro Polifunzionale “A. Maddeo” è stato presentato il saggio storico “Enna – Ricordi di Guerra” di Augusto Lucchese, saggista e pubblicista. All’evento – organizzato con la collaborazione dell’Associazione Fundrò, dell’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra e il patrocinio dal Comune di Enna – ha partecipato un numeroso e attento pubblico. Ha esordito l’avvocato e scrittore Pino Ferrante, perfetto moderatore dell’incontro, con un’introduzione sulla personalità del Lucchese, cultore di storia e osservatore acuto, che “è stato da adolescente spettatore delle dolorose giornate duranti le quali Enna e il suo territorio subirono gli oltraggi della guerra, con i bombardamenti del luglio 1943”. Il suo lavoro storico-letterario, ha detto, “trasmette suggestioni, squarci di vita, umori lontani nel tempo ma egualmente genuini, riferiti ad una terra, quella ennese, vista con gli occhi e il cuore di un 13enne, amante della verità e dalla limpida onestà intellettuale, virtù oggi poca praticata”. Della relatrice giornalista e saggista Angioletta Giuffrè è stato letto un suo commento al libro, dove è ricordato che “lo stesso argomento in precedenza è stato trattato da Nino Savarese nel suo libretto ‘Cronachetta siciliana dell’estate 1943’ e più recentemente, nel 2011, da Eugenio Amaradio nel volume “Ero Balilla”. “L’autore – dice la Giuffrè – illustra gli anni di guerra ad Enna, con tristi ricordi specie in coloro che li hanno vissuti”. “Egli ripercorre le drammatiche conseguenze di un conflitto che coinvolse tutti, anche la popolazione civile che subì numerose vittime durante le incursioni aeree degli anglo-americani nei giorni 11, 12 e 13 luglio 1943”. “Il libro del Lucchese – conclude la relatrice – è scritto in forma scorrevole, con un linguaggio semplice e incisivo, adatto alla comprensione dei lettori giovani e meno giovani”. Orazio Costorella ha letto alcuni brani del libro, arricchendoli con pertinenti e coloriti commenti. Numerosi gli interventi del pubblico. Tra gli altri, si sono avvicendati al microfono Angiolo Alerci, Mario Orlando, Pino Vicari e Alessandro Scelfo che, per aver vissuto quelle giornate – dallo sbarco a Gela, all’ingresso degli americani ad Enna – hanno ricordato quegli avvenimenti bellici con proprie testimonianze. L’Autore, a conclusione dell’incontro, ha detto tra l’altro che “l’intrinseco significato del libro è proprio quello di evidenziare gli aspetti deteriori, nocivi e inumani delle guerre”.
Enna 1943 Augusto Lucchese
“Esso vuole manifestare – senza pregiudiziali distinzioni fra vinti e vincitori – una severa condanna per coloro che in ogni tempo si sono macchiati e continuano a macchiarsi di crudeltà verso l’umanità”. Gli intervenuti sono stati ringraziati da Mario Cimino e da Giuseppina Giliberto, presidenti della sezione provinciale Vittime Civili di Guerra e dell’Associazione Fundrò, organizzatori dell’evento. Ha concluso il moderatore Pino Ferrante dicendo che il lavoro di ricerca accurato e puntuale di Augusto Lucchese ha il merito “di aver restituito emozioni e scenari, che pur lontani nel tempo, sono ancor oggi vivi nei nostri ricordi”. Ed è seguendo il filo della ricerca storica che il Nostro – ancor prima di quest’ultimo impegno letterario – ha pubblicato negli anni trascorsi – svariati lavori riguardanti la 2a Guerra Mondiale, fra cui “Personaggi controversi: Pietro Badoglio”; “L’Italia in guerra, un disastro annunciato”; “Il Duca abbandonato”; “Perché Malta non fu occupata; “Il Deserto infuocato”; “La Regia Marina Italiana nel giugno 1940”. Si è occupato, inoltre, di “Ecologia e cambiamenti climatici” cui, già nel 1992, ha dedicato un corposo “studio”. E’ altresì autore d’innumerevoli scritti sulle più svariate materie. Ha pubblicato un saggio su “Giovanni XXIII – il Papa della bontà e dell’umanità”. Tuttora si occupa di attività culturali avendo fondato nel 1998 a Viagrande (Ct) l’Associazione culturale “Ethos” della quale è presidente e animatore. Il saggio “Enna 1943 – Ricordi di Guerra”, Boemi editore, (CT) 2014, € 18,00 per 288 pagine, è in distribuzione nelle librerie della città e in quelle dei maggiori centri della Sicilia.

Salvatore Presti

(nelle foto: alcuni momenti della presentazione del libro)

Salvatore Presti Enna

Check Also

“Fake news – pericoli e opportunità per la nostra libertà” il nuovo libro di Alain Calò

È uscito in questi giorni il nuovo libro di Alain Calò dal titolo “Fake News …