venerdì , Agosto 19 2022

Il nuovo film di Greenaway inaugura il Sicilia Queer Filmfest

Il Sicilia Queer Filmfest al via il 24 maggio con l’ultimo film di Peter Greenaway, Eisenstein in Messico, un ritratto originale e irriverente del grande regista russo, e una riflessione sul cinema, il sesso e la morte che sconvolge e affascina.

06_EISENSTEIN_In_MESSICO_by_Peter_Greenaway

Eisenstein in Messico, il nuovo film del regista Peter Greenaway inaugurerà a Palermo la quinta edizione del Sicilia Queer Filmfest, diretto da Andrea Inzerillo, che si svolgerà dal 24 al 31 maggio 2015.

Il film, che uscirà nelle sale cinematografiche il 4 giugno distribuito da Teodora, sarà proposto in anteprima al cinema De Seta domenica 24 alle ore 21.00.

“Sarà l’entusiasmante inizio di un festival giovane, aperto, ampio e ambizioso”, commenta il direttore artistico Andrea Inzerillo. “Un festival che guarda come sempre ai grandi nomi del cinema di oggi e che scommette su quelli di domani: invitiamo tutti a guardare con particolare attenzione il programma che verrà diffuso a partire dalla prossima settimana”.

Eisenstein in Messico, interpretato da Elmer Bäck e Luis Alberti e presentato con successo all’ultimo Festival di Berlino, è uno scatenato e dissacrante biopic sul celebre regista de La corazzata Potëmkin, del quale racconta i turbolenti giorni messicani sul set di Que viva Mexico!, durante i quali “libera” la propria omosessualità.

Siamo nel 1931 e il regista sovietico è al vertice della carriera, ma il regime stalinista lo incalza perché vorrebbe che rientrasse il prima possibile in patria. Eisenstein passa gli ultimi dieci giorni del viaggio nella cittadina di Guanajuato, dove, con la complicità della giovane guida locale, scoprirà molte cose sul Messico ma anche sulla propria sessualità e identità di artista. Fatalmente attratto dall’atmosfera sensuale del luogo, inestricabilmente legata ai simboli e ai rituali di morte che lo circondano, il regista si lascia andare al proprio istinto e ai desideri che la sua patria gli impedisce di accettare.

Con uno stile visionario che non ha eguali nel cinema contemporaneo, Greenaway firma un ritratto originale e irriverente del grande regista russo, legandolo a una riflessione sul cinema, il sesso e la morte che sconvolge e affascina.

Sebbene girato nell’inconfondibile stile visionario e barocco del regista inglese, il film si basa su una storia vera e documentata, che ricostruisce episodi personali e pubblici della vita di Eisenstein, tra cui gli incontri con artisti straordinari come Frida Kahlo, Jean Cocteau e Bertolt Brecht.

Check Also

Ma come fanno i bio-sensori? Ce lo dice Einstein

Capire come fa una molecola in un fluido biologico a raggiungere e interagire in pochi …