lunedì , Settembre 26 2022

Enna. Vittoria Sindaco Dipietro: su terreno squisitamente politico e prettamente democratico

euno ennaQuello che è avvenuto è un grande evento e non solo per la città di Enna.
Se proviamo a leggerlo in chiave più ampia e con le lenti disincantate dell’osservatore esterno, capiamo che è di una portata e di un significato ancor maggiori.
Al di la dell’ovvio compiacimento di nemici ed avversari di Crisafulli per averlo visto pesantemente ridimensionato, al di la della soddisfazione di Maurizio Di Pietro e della sua squadra per aver conseguito un successo, per niente scontato, contro il gruppo dirigente più potente ed accreditato, al di la del sentimento di rivalsa e di vendetta di quanti, nel tempo, si sono sentiti defraudati del ruolo e dello spazio politico che non sono riusciti a difendere, al di la di tutto ciò, si registra finalmente un’importante affermazione del metodo democratico, e non è poco. Non perchè è stato vinto un tiranno liberticida, un prevaricatore, un accentratore spregiudicato, ma perchè finalmente si è deciso di affrontare il personaggio politico più temuto, ancorchè dai modi discutibili e difficilmente condivisibili, su un terreno squisitamente politico e prettamente democratico.
Finalmente si è smesso di confidare nell’intervento della magistratura come fattore risolutivo e sostitutivo del confronto politico, si è smesso di invocare i dirigenti di partito per decretare espulsioni o giudizi di “impresentabilità” o “inopportunità”, si è smesso di appellarsi alle scorribande mediatiche dell’Arnone di turno, si è smesso di controbattere sul piano morale argomenti essenzialmente politici.
Aver vinto attraverso una normale competizione elettorale, a viso aperto, senza interferenze, ridà fiducia ai cittadini e alla loro libera espressione del consenso, rimette al centro i metodi democratici fondati sul rispetto delle regole e sulla contrapposizione leale anche se dura.
Ognuno ha giocato le proprie carte e i propri argomenti, i cittadini si sono fatti la propria idea ed hanno votato scardinando l’opinione diffusa di essere vittime di ricatto o ostaggio del gruppo dominante.
Una vittoria siffatta non lascia sul campo vittime ma sconfitti.
Si afferma così, con forza, il metodo dell’alternanza e vedremo fra cinque anni cosa avrà saputo fare Dipietro e giudicarlo alla luce dei fatti.
È vero che la maggioranza del Consiglio va all’opposizione, ma questo non è detto sia un vero e isormontabile problema.
Lo diventa se l’opposizione si farà guidare dalla cieca voglia di vendetta o se la vittoria darà alla testa al Sindaco e si lascerà andare a comportamenti arroganti e di chiusura, o se l’uno e gli altri dimenticheranno e tradiranno le promesse elettorali e l’impegno assunto davanti a tutti di voler fare solo gli interessi della città e dei cittadini.
Onore ai vinti e auguri ai vincitori, che sappiano ora concorrere al riscatto di questa città e risollevare le sorti di un economia allo stremo.
Al Sindaco mi sentirei solo di consigliare di saper cogliere la voglia di partecipazione e di coinvolgimento che cresce sempre più da una buona parte della società civile che non aspetta altro di poter contribuire alla rinascita del senso di comunità e di sentirsi protagonista di una nuova stagione all’insegna della crescira sociale, culturale ed economica.

Tonino Palma

Check Also

Femminicidio di Stato

Femminicidio di Stato di Massimo Greco In una una visione contrattualistica, lo Stato si sta …