giovedì , Ottobre 6 2022

Enna: “buon lavoro alle neo consigliere comunali”

euno-enna seppiaTra Sindaco eletto e nuovo Consiglio Comunale l’interesse è riposto sul primo, per cui è il caso di dire che questi è Primo Cittadino di nome e di fatto. I 30 di Sala d’Euno via via vanno in oblio, tranne per i loro intimi e i politici locali. Incerta sorte, se si pensa che in passato erano attori della Vita Politica, titolari del Governo Locale, interpreti delle Passioni Civiche. Conquistavano via via prestigio e notorietà con il sostegno diffuso, e non solo di cordate elettorali personali o di gruppi. Oggi per loro, o almeno per chi avverte il valore sociale della carica, la prima scena è rara, e Sala d’Euno non è più una Tribuna Cittadina seguita dalla gente.
Come dire, per ora si godano con letizia questa fase d’avvio. Perché sarà snervante, per chi vorrà assolverlo, il compito in solitudine d’indirizzo, controllo e programmazione. Torniamo alla prima seduta esaltando l’ampia presenza delle Consigliere, per giunta capaci, giovani e belle. Enna era maschilista e muntanara con Sala d’Euno. Ora non più! È letizia anche per noi, perché vengono in mente le signore Curcio, Bruno, Corvisieri Cassarà e Di Mattia (“Biagina” per molti). Ma di Una vogliamo parlare, Ina Gennaro, prima consigliera di Enna. Si avvicina ai 100 anni mirabilmente, mi dicono. Pensate un po’, Lei moglie di un noto avvocato 65 anni fa, era il 51, è eletta nel PCI, diventa animatrice degli strappi di un ambiente refrattario al segno dei tempi, attiva nelle lotte per la pace, il lavoro e i diritti civili. Conobbe grandi dirigenti di Partito, animava il confronto e scontro politico da pari a pari. Anche Lei era motivata, intelligente e bella. Insomma, una donna! Suggeriamo alle consigliere: andate a trovarla tutte assieme in un pomeriggio che sarà toccante per Voi e per Lei.
Ma pure una buona partenza.


CASTRO IANNI

Check Also

Femminicidio di Stato

Femminicidio di Stato di Massimo Greco In una una visione contrattualistica, lo Stato si sta …