martedì , Settembre 27 2022

ALTER: L’arte contemporanea trasforma la città di Chiaramonte Gulfi

panoramica chiaramonte gulfiLa città di Chiaramonte Gulfi si trasforma per tre giorni, dal 31 luglio al 2 agosto, in un Teatro Vivo, che sarà animato da interventi site specific volti ad esprimere la pluralità della ricerca dell’arte contemporanea.
ALTER – Volti di luce e terra è un progetto che assume come riferimenti fondamentali le bellezze del territorio e la vitalità della comunità che lo abita, articolandosi all’interno del centro storico della città di Chiaramonte. Tutti i cinque sensi entrano in sinestesia per navigare attraverso un universo estetico costellato da installazioni site specific, performance, sound art, video art, pittura, disegno, scultura, fotografia e altri linguaggi creativi in dialogo con gli spazi monumentali, la rete degli otto Musei, le chiese barocche, le abitazioni private, le vie urbane e le piazze, attivando un viaggio sensoriale capace di stabilire un colloquio dialettico con i luoghi, con l’uomo e il suo statuto poetico. Tutti gli spazi dedicati al progetto “Alter” saranno aperti e fruibili gratuitamente dal pubblico dal 31 luglio al 2 agosto, dalle 10:00 alle 12:00 e dalle 18:00 alle 24:00. La radice latina del nome scelto racconta il valore delle “differenze” e fa emergere il concetto di alterità e reciprocità come elementi fondanti dell’esistenza.
Dal panorama nazionale ed internazionale dell’arte contemporanea, gli artisti invitati a confrontarsi con le poetiche del progetto sono: Alessandro Amaducci, Paola Angelini, Giuseppe Armenia, Claudio Cavallaro, Luca De Angelis, Doren, Daniele Franzella, Maria Grazia Galesi, Giuseppe Giordano, Igor Imhoff, Boris Labbè, Filippo Leonardi, Alessandro Librio, Antonio Mainenti, Sebastiano Mortellaro, Zoi Pappa, Isabella Pers, Tiziana Pers, Piero Roccasalvo Rub, Lino Strangis, Sasha Vinci, Tian Xiaolei. Accanto agli artisti, sono invitati ad osservare l’evoluzione del progetto e successivamente ad elaborare una personale visione critica, alcune voci autorevoli nel campo dell’arte contemporanea: Martina Cavallarin (critico-curatore indipendente), Giusi Diana (critico-curatore indipendente), Eleonora Frattarolo (critico e storico dell’arte) e Cecilia Freschini (curatore indipendente). Alcuni degli artisti partecipanti al progetto, dal 26 al 30 luglio 2015, sono ospitati in residenza nella città di Chiaramonte Gulfi; durante il soggiorno vivranno in stretto contatto con alcune personalità della comunità chiaramontana: artigiani locali, custodi di saperi e tradizioni, la cui memoria è radicata alla terra. Nei tre giorni della manifestazione in uno degli spazi storici della città, si inaugurerà “Extra Alter”, un progetto collaterale che presenta la mostra personale di Carmelo Candiano a cura di Lucia Nifosì, allestita presso le sale della Pinacoteca Giovanni De Vita – Palazzo Montesano.
La fruizione dei luoghi sarà resa possibile attraverso l’ausilio di una mappa che raccoglie tutte le informazioni utili, delineando un percorso di visita multidisciplinare e multisensoriale. All’interno dell’ALTER MAP è segnalata la rete museale completa della città e tutti gli spazi dedicati al progetto: i luoghi in cui sono allestite le opere e le installazioni site specific e le botteghe dei custodi. Il progetto ALTER–Volti di luce e terra nasce dalla collaborazione tra il Comune della città di Chiaramonte Gulfi con la realtà indipendente SITE SPECIFIC di Scicli (Rg) e il gruppo S.E.M. Spazi Espressivi Monumentali di Scicli (Rg).

Check Also

Taormina, la perla dello Ionio: immagine del tramonto

La costa di Giardini Naxos vista dall’alto può far compiere un salto nella storia e …