sabato , Ottobre 1 2022

Messina: Torna al Teatro Vittorio Emanuele la settimana del cinema muto

Rossella Spinosa e Alessandro CalcagnileMessina. Da lunedì 16 a domenica 22 novembre torna al Vittorio Emanuele la Settimana del Cinema Muto. Una intera settimana dedicata alla magia del cinema muto. Dopo il successo della passata edizione anche quest’anno note e immagini si fonderanno sul palco del Teatro e alla sala Sinopoli, per un omaggio ad Alfred Hitchcock ed alle origini del cinema, promosso in collaborazione col Gran Festival del Cinema Muto di Milano. Fortemente voluta dal maestro Giovanni Renzo, direttore artistico della sezione prosa, la settimana si snoderà attraverso tre diversi appuntamenti. Si comincia con un omaggio al Cinema degli inizi, lunedì 16 e martedì 17 novembre, alle 21, alla sala Sinopoli. “Centovent’anni di Cinema” sarà l’occasione per ammirare alcuni frammenti dei film dei Fratelli Lumière, di Georges Méliès, in occasione dei 120 anni dalla prima proiezione, avvenuta il 28 dicembre del 1895 al Salon indien du Grand Café di Boulevard des Capucines, a Parigi, quando una raccolta di dieci cortometraggi dei fratelli Auguste e Louis Lumière lasciò il pubblico senza parole. La prima proiezione della storia del cinema fu “La sortie de l’Usine Lumière à Lyon”, “L’uscita dalle officine Lumière, che ritraeva il momento dell’uscita degli operai della fabbrica Lumière a Lione. Immagini suggestive proposte con l’accompagnamento al pianoforte e al pianoforte meccanico, ad opera di Beppe Santamaria, l’evento è a cura di Giovanni Renzo.
Mercoledì 18 e giovedì 19 novembre, alla Sala Sinopoli, alle 21, inizia l’omaggio ad Alfred Hitchcock, in programma il thriller muto “The Lodger” (Il pensionante – Una storia della nebbia di Londra), pellicola fortemente influenzata dall’espressionismo tedesco e dal cinema di Murnau in particolare, con l’accompagnamento musicale dal vivo su partitura di Rossella Spinosa (pianista e compositrice), del duo pianistico Rossella Spinosa e Alessandro Calcagnile (pianista e direttore d’orchestra). Protagonista di “The Lodger” (Gran Bretagna, 1926, b/n, 71’, muto), Jonathan Drew che affitta una stanza a casa Bunting, mentre tutta Londra è alla ricerca di un serial killer, chiamato “il vendicatore” che uccide le donne bionde. Daisy Bunting, figlia dei padroni di casa, è fidanzata con Joe Chandler, uno dei detective che è alla ricerca dell’assassino. Questi ben presto si ingelosisce del nuovo inquilino e comincia a sospettare che il killer sia proprio Drew.
Venerdì 20, sabato 21 alle 21 e domenica 22 novembre alle 22.30, “L’isola del peccato” (The Manxman), di Alfred Hithcock film muto tratto dal romanzo omonimo di Sir T. H. Hall Caine (Gran Bretagna, 1929, b/n, 80’), proposto con accompagnamento musicale dal vivo su partitura di Rossella Spinosa, al pianoforte, accompagnata dall’Orchestra del Teatro Vittorio Emanuele diretta da Alessandro Calcagnile. Nonostante la diversa estrazione sociale, il pescatore Pete e l’avvocato Philip sono amici da tantissimo tempo e vivono sull’Isola di Man. Pete vuole sposare Kate, figlia del ricco proprietario di un albergo che rifiuta di dare il consenso al matrimonio. Pete abbandona allora l’isola per andare a cercare fortuna e Philip gli promette che veglierà su Kate fino al suo ritorno. Ma col passare del tempo lui e Kate si innamorano e quando Pete farà ritorno la situazione finirà con il precipitare.

Check Also

Taormina, la perla dello Ionio: immagine del tramonto

La costa di Giardini Naxos vista dall’alto può far compiere un salto nella storia e …