domenica , Aprile 18 2021

Caro professore Vecchioni: Palermo nominata capitale della cultura 2018

ph. rosellina garbo
Caro professore si ricorda quando in visita a Palermo definì la Sicilia un’isola di merda? E il sindaco Orlando le diede pure ragione? E pure tanta parte della borghesia colta siciliana convennero con lei sulla natura escrementizia della Trinacria. Sicilia “isola di merda”. Firmato Roberto Vecchioni.
Era il dicembre 2015, si era nell’aula magna della facoltà di Ingegneria di Palermo si doveva discutere dei “Mercanti di luce. Narrare la bellezza tra padri e figli”, organizzato dall’associazione Genitori e figli. Si ricorda? “Arrivo dall’aeroporto, entro in città e praticamente ci sono 400 persone su 200 senza casco e in tutti i posti ci sono tre file di macchine in mezzo alla strada e si passa con fatica. Questo significa che tu non hai capito cos’è il senso dell’esistenza con gli altri. Non lo sai, non lo conosci. E’ inutile che ti mascheri dietro al fatto che hai il mare più bello del mondo. Non basta, sei un’isola di merda”.
Bene. Passa un anno e Palermo viene nominata capitale della cultura 2018. Orlando esulta e la buona borghesia pure. Città dell’accoglienza e dell’integrazione, città piena di contrasti e irrisolti perennemente ossessionata dalla paura di cadere nello stereotipo certo, ma capace di emergere dalla topica filmica che la voleva odorosa di gelsomini insanguinati. Caro professore la Sicilia è così fatta: contraddittoria e magnifica, difficile da capire per gli insofferenti annoiati e autocelebrativi. Porti pazienza e torni che i palermitani non portano rancore.


Gabriella Grasso

Check Also

Prezzo delle case ad Enna + 4,1% (832 euro/m2) dall’inizio della pandemia

Ad un anno dall’inizio della pandemia, i prezzi delle abitazioni usate segnano un decremento pari …