giovedì , Aprile 15 2021

Priva di morte e orfana di vita

Si disse di Eluana Englaro che dovette attendere 17 anni per affermare la sua volontà. L’autodeterminazione indiscutibile è messa in discussione da obbiettori indaffarati in altre faccende e se non il vivere conta, ma il vivere bene ancora in Italia solo chi può pagare per non soffrire più è libero, gli altri no. Sospendiamo allora il giudizio per chi ha dovuto scappare in Svizzera urlando vergogna al suo Paese, incapace di fare il bene comune perché troppo impegnato in altro. “Lo Stato obbliga a emigrare» per poterci «liberare da una tortura insopportabile e infinita». Così Fabiano Antoniani, noto come DJ Fabo, cieco e tetraplegico in seguito ad un incidente d’auto capitatogli tre anni fa. Il dibattito sulle norme in materia di eutanasia è stato avviato in Parlamento per la prima volta nel marzo 2013 e attualmente vi sono sei proposte di legge che dovrebbero confluire in un unico testo di legge, ma è tutto fermo da un anno. Va invece un po’ più spedito il ddl sul Biotestamento, ma è stato proprio il terzo rinvio all’approdo in Aula alla Camera a determinare l’appello di due giorni fa di DJ Fabo al presidente della Repubblica Sergio Mattarella per «sbloccare lo Stato di impasse voluto dai parlamentari. Riposa in pace Fabio e grazie per aver lottato anche per noi.


Gabriella Grasso

Check Also

Il ruolo dei sindaci nei processi di sviluppo locale della aree interne

“…estrema difficoltà di formazione delle aggregazioni di classe e dell’azione collettiva…”, “… non si notano …