mercoledì , Ottobre 20 2021

AUCTORITAS, NON VERITAS FACIT LEGEM

Il 9 febbraio scorso Destinity moriva, dopo essere stata respinta dalla polizia francese al confine di Bardonecchia. La polizia agì secondo la legge. Domenico Lucano sindaco di Riace, disobbedendo alla legge, ha salvato molte vite. La legge è sempre un imperativo etico? O l’obbligo all’obbedienza è un alibi, quando manca la riflessione. In Italia la morale, al tempo del “me ne frego” e del balcone 2.0, pare interessare solo il divano dei poveri e le abortiste veronesi; la disobbedienza invece riguarda esclusivamente Salvini, che disobbedisce impunemente all’Europa, tranne quando deve far crescere il numero dei fucili nel Paese. Il sindaco di Riace avrebbe dovuto rispettare la prassi che regola la raccolta dei rifiuti e chiedere semmai poteri speciali al governo centrale, come in Sicilia ha fatto Musumeci e prima di lui Lombardo, così avrebbe ottenuto fra Tarsu-Toa e Tasi, un debito di 1,8 miliardi, enti regionali per il controllo del consenso, corruzione, malaffare e tanta, tantissima lurdìa.

Gabriella Grasso

Check Also

“Che bello! Due amici, una chitarra e uno spinello!”

In pochissimi giorni sono state raccolte le fatidiche 500 mila firme per chiedere il referendum …