domenica , Ottobre 24 2021

Enna. Sp7: ma quando mai una sommossa da gilet gialli terroni

Enna SP7
Vietato vietare. In Sicilia le parole hanno sempre molti significati ad esempio un’ordinanza ha il valore del “no, ma anche sì”. Per meglio capire l’apparente paradosso basta recarsi nell’ex provincia di Enna dove si ordina la chiusura della strada che congiunge l’entroterra alle coste: la Sp7a che porta i montanari siculi all’autostrada Palermo/Catania, ma anche alle aziende agricole, artigianali e di accoglienza.
Si chiude, ma non del tutto. Il testo è “vietato passare” il sottotesto è: “ lo Stato non può aggiustarvi una strada fondamentale perché politicamente non contate nulla quindi facciamo così voi passate lo stesso, ma sappiate che state trasgredendo la Legge perciò dallo Stato non potete pretendere niente e se ci va vi arrestiamo pure”.
Ricominciamo: la Sicilia è la terra del preferirei che non si facesse, ma se proprio dovete fatelo, senza scocciare. E’ il “I would prefer not to” di Melville, lo scopo è la deresponsabilizzazione statale insomma “sono c…i vostri” or dunque stando così le cose i sindaci in carica ed ex che si sono offesi per la mala parte dovrebbero insistere per la reale chiusura della strada provinciale così da scatenare una sommossa da gilet gialli terroni.

Gabriella Grasso

Check Also

“Che bello! Due amici, una chitarra e uno spinello!”

In pochissimi giorni sono state raccolte le fatidiche 500 mila firme per chiedere il referendum …