mercoledì , Settembre 28 2022

Da Corte di Cassazione caso di plagio a danno di Massimo Greco

Ancora un caso di plagio a danno di Massimo Greco. Ma questa volta a copiare ciò che ha scritto Massimo Greco è stato il massimo organo della giustizia italiana: la Corte di Cassazione. Con l’ordinanza n. 23435 del 19/09/2019 riferita alla vessata questione della legittimità della TARSU pretesa dal Comune di Enna per l’anno 2009, viene operato un vero e proprio “copia incolla” di un articolo pubblicato negli anni scorsi in più riviste specializzate da Massimo Greco. Ma parliamone con l’interessato.

Ci risiamo… la scorsa volta il plagio si riferì alla natura giuridica dell’Università Kore e adesso?

Adesso è toccato alla sezione tributaria della Cassazione, che ha ritenuto di fare proprie le argomentazioni contenute in uno degli articoli che ho pubblicato in diverse riviste giuridiche. Ovviamente anche questa volta non può che farmi piacere perché evidentemente le cose che ho scritto sulla questione non erano frutto di fantasia giuridica. Rimane l’amaro in bocca perché anche questa volta vengo copiato ma non citato. Del resto è improbabile essere citati in una sentenza della Cassazione. Ma la cosa più divertente è che la Commissione Tributaria di Caltanissetta ha respinto il mio ricorso.

Cioè?

In sostanza, io, come tanti altri, abbiamo perso il ricorso sulla TARSU 2009 in sede di appello e adesso la Cassazione dà ragione a un singolo contribuente (che ringrazio in uno ai suoi legali) sulla base delle mie motivazioni.

Possiamo sapere qual’è il passo della sentenza oggetto del presunto plagio? 

Sì, questo è il più pregnante:

Appare però evidente che la deroga concerne solamente il termine e non la finalità contenuta nella disposizione. In pratica, la deroga in questione consente l’approvazione di tariffe TARSU oltre il termine del 31 ottobre (oggi da intendersi “mobile” in quanto coincidente con l’approvazione del bilancio di previsione ex l. n. 296/2006) da applicare l’anno successivo o, tutt’al più, nell’anno corrente e non certo per gli anni precedenti.
E’ un concetto sul quale a suo tempo ho riflettuto soprattutto per l’uso del termine “mobile” che ho preferito al “dinamico”.

Alla fine pagherà il tributo col sorriso….

 Esattamente.

 

Check Also

Enna. La Kore rinnova i propri organi di governo

Enna. La Kore rinnova i propri organi di governo di Massimo Greco E’ tempo di …