sabato , Ottobre 1 2022

Natale a Roma

La preparazione al Santo Natale a Roma ha preso il via già da giovedì 5 dicembre. Sono stati inaugurati a piazza San Pietro nella serata di giovedì sia l’albero che il presepe. È un abete l’albero donato dalla comunità vicentina di Rotzo, mentre il presepe proviene dalla località Valsugana di Scurelle ed è interamente costruito in legno secondo un’antica usanza. La scelta del pontefice di accettare questi doni non è casuale: Papa Francesco ha voluto ricordare le tempeste e i nubifragi dell’anno scorso nel Triveneto. Il presepe ci ha ricordato papa Francesco, nel corso della sua visita a Greccio, località in cui San Francesco ha realizzato il primo presepe, è un “segno semplice e mirabile della nostra fede”. Ha inoltre ricordato che, essendo la più alta espressione del sentimento cattolico, “il presepe è una maniera genuina di comunicare il Vangelo, in un mondo che a volte sembra avere paura di ricordare che cos’è veramente il Natale, e cancella i segni cristiani per mantenere solo quelli di un immaginario banale, commerciale”. L’albero di Rotzo, che è stato acceso al calar del sole del 5 dicembre, è un invito di speranza per la riforestazione di quei boschi gravemente danneggiati. In sostituzione alle piante rimosse verranno infatti ripiantati 40 alberi. Si è acceso anche a piazza Venezia l’albero di Natale, la sera dell’Immacolata. La stessa domenica anche il Papa ha celebrato a piazza di Spagna la solenne festività. La messa della notte di Natale verrà celebrata a San Pietro alle ore 21:30. Per la partecipazione sono necessari i biglietti d’ingresso, gratuitamente ottenibili. La benedizione Urbi et Orbi si terrà giorno 25 dicembre alle ore 12:00, in piazza San Pietro, ed è aperta a tutti. Nella bellissima piazza di San Pietro casualmente abbiamo incontrato il nostro conterraneo, lo iudicense Vittorio Ingrassia – studente frequentante il terzo anno di giurisprudenza nella capitale alla Pontificia Università Lateranense – che ha sottolineato: “Sono affascinato dal clima natalizio in generale, e Roma ci offre un esempio di luogo magico, durante questo periodo. Vedere brillanti luci natalizie che si accendono a intermittenza nei pressi del Pantheon o del Colosseo, e osservando le luminarie dalle più variegate forme a piazza di Spagna, si ha la percezione di appartenere a un universo parallelo, avulso allo spazio e al tempo, senza dimenticare che Roma è culla della cultura cristiana, che permea in ogni suo angolo”.

Salvatore Agati

Check Also

Femminicidio di Stato

Femminicidio di Stato di Massimo Greco In una una visione contrattualistica, lo Stato si sta …