sabato , Ottobre 1 2022

Referendum 29 marzo: volete tagliare il rimborso del parrucchiere della Camera?

Il referendum sul taglio dei parlamentari, che si terrà il 29 marzo, è consultivo e non abrogativo. Vale, cioè, la volontà di chi vota è sarà dunque sufficiente che il numero dei voti favorevoli superi quello dei contrari. Attualmente i parlamentari sono 945, se passa il referendum si ridurranno a 600: 200 senatori e 400 deputati. Il risparmio ovviamente non c’entra niente. Se si cercasse il risparmio basterebbe dimezzare gli emolumenti di tutti parlamentari e azzerarne i benefici ed i benefit fra cui il rimborso annuo dei francobolli per la corrispondenza, oltre alla posta gratis se spedita dal Parlamento, il rimborso per il tax, il rimborso per il taglio dei capelli (presso il parrucchiere interno alla Camera), il rimborso per le spese mediche e dentistiche per tutti i familiari e conviventi e altre, moltissime altre. Questo referendum servirà a illudere gli ingenui sulla possibilità di far valere la volontà popolare e agli “sgamati” a ridurre il tessuto democratico, riducendo la rappresentanza territoriale. A cosa è servito eliminare le provincie? A aumentare i disagi e le strade dissestate. Andiamo a votare e dimostriamo di non essere stupidi, almeno per questa volta.

Gabriella Grasso


foto: Giulio Andreotti alla barberia della Camera

Check Also

Femminicidio di Stato

Femminicidio di Stato di Massimo Greco In una una visione contrattualistica, lo Stato si sta …