martedì , Settembre 21 2021

Enna. Una città, un castello, le torri

Lascio la pianura, i campi di frumento, l’autostrada dritta, grigia, uguale che li attraversa e salgo, salgo. Raggiungo la città, un castello, due torri. Quella del castello di Lombardia, strategico nido principesco, centenario custode di aneddoti, è oggi un’alta terrazza panoramica dalla quale ammirare e spiare i campi coltivati, le colline e le valli sottostanti. Le pietre, i particolari architettonici, i frammenti rimasti affollano il pianoro, un millenario e nobile sacrario ai tempi popolato da statue votive erette in onore delle divinità greche e romane. Stratificazioni, sedimentazioni, ricostruzioni. Il succedersi prestabilito degli eventi avvenuti, oggi è leggibile in questo scorcio di territorio siciliano. Enna è un campione archeologico, un museo di testimonianze storiche destinato a evolversi e a cambiare identità nel corso del tempo. La Torre di Federico, medievale struttura ottagonale, costruita su di un antichissimo laboratorio geodetico, è oggi circondata e in parte celata da un magnifico giardino e da un semitrasparente tendale verde che l’avvolge e la protegge durante gli attenti e sapienti lavori di restauro. Sfugge agli occhi, alle curiosità, agli obiettivi, rifugiandosi nel suo temporaneo dolore. Percorro l’ultimo tratto del grande viale e dopo pochi metri raggiungo in cima l’eccentrico ombelico isolano, un romantico osservatorio panoramico. Nel suo centro un’asta bianca augura la pace a tutto il mondo. La porta di Janniscuru e tutto attorno strade strette, case basse, grotte preistoriche. Un intimo e antico luogo di culto e di semplice umana gestualità. Nei dintorni i ragazzi rincorrono una palla, altri un cucciolo, gli adulti al sole svolgono le loro mansioni quotidiane. Buoni odori tingono la fresca aria di montagna. Passeggio leggendo a tratti un vecchio testo che mi racconta delle remote origini della città. Leggo del Duomo e del suo Tesoro. Lo visito. I mostri lignei del soffitto, bestiari alati animati magicamente dalla luce soffusa, osservano e vigilano sui visitatori e sulle piccole donne in preghiera. Custodiscono da secoli i gioielli marmorei scolpiti nelle tre navate. Un prete mi narra, cantilenando, la nascita degli Angeli, dei Santi, delle Madonne che albergano questo luogo sacro. Mi conduce nella sacrestia. Fiero di quel “casciarizzo” in noce, mi svela e mi illustra gli episodi biblici in esso intagliati. Immagino le vetuste figure di antichi sacerdoti predicare e passeggiare per i luoghi di culto della città; gli antichi popoli conquistarla o fuggire da essa; la dea Cerere perdere la sua giocondità a causa del rapimento della figlia e gioire ogni primavera quando, avvertita dai profumi dei fiori nascenti, Proserpina ritorna sulla Terra. Belle ragazze, vivacemente abbigliate, noncuranti, coi loro lunghi capelli controvento, nell’alta piazza. Persone silenziose sono sedute nelle eleganti panchine del Belvedere. Bei paesaggi rallegrano gli animi dei passanti. Su di noi, difeso da un cane, un bronzeo Plutone barocco rapisce in eterno la sua giovane sposa. Cammino per strette vie; le case alte si affacciano, timide e quiete, i vasti orizzonti del territorio ennese. Nei davanzali, nei balconi ornati di fiori e negli assolati cortili, mescolate alle fragranze dei gelsomini e a quelle delle piante aromatiche usate nelle buone cucine, si intrecciano le favole quotidiane, le gioie e i dolori della gente comune, si interpretano le love story dei Vip, gli avvenimenti nazionali e gli eventi mondiali. Sotto un arco catalano un anziano narra ai compari le gesta eroiche e le imprese insigni vissute in guerra e nei campi; i primi amori nei fienili e il primo nobile seducente approccio con la moglie. Gli espressivi occhi verdi di un raffinato e paffuto economista di sinistra, all’ombra di una bombetta, osservano perpetuamente lo scorrere della vita su una piazza; gli impiegati posteggiare e correre frettolosi verso gli uffici provinciali, fumando fino alla fine le loro sigarette; i soci di un circolo ricreativo, in vestito grigio d’occasione, guardare curiosi i gruppi di turisti stranieri in pantaloncini e t-shirt o le giovani segretarie in tail-leur e occhiali scuri; due giovani amanti baciarsi e frugare nelle loro anime in cerca di buoni sentimenti da donarsi a vicenda. Dopo qualche ora, la solenne figura panciuta di Napoleone Colajanni illuminata dalle prime luci della sera, l’ombra che si allunga sempre più sulla piazza, le insegne di un albergo, cospargeranno l’aria e i volti delle lente figura a passeggio di malinconia.

Joseph Hornet

Check Also

Enna. Il museo Varisano

Nel 1985, nel restaurato Palazzo Varisano, si è inaugurato il Museo Archeologico di Enna. Palazzo …