mercoledì , Dicembre 8 2021

Il Parassita Mangia Cervello

L’ameba Naegleria fowleri è ghiotta di cervello umano. Entra dal naso e attraverso il nervo olfattivo raggiunge il cervello divorandolo letteralmente. La Naegleria fowleri è un microorganismo, esteriormente affine a un’ameba, che vive in acqua dolce a temperature variabili, incistandosi sotto i 10 °C e sviluppandosi in acque tiepide fino a 42 °C. Nell’acqua libera, se le caratteristiche ambientali divengono sfavorevoli, per esempio a causa dell’aumento di salinità o della scarsità di nutrienti, la forma amebica si trasforma e va alla ricerca di habitat migliori. La sintomatologia è rapidamente fatale con esiti di mortalità pari al 97% di casi, soprattutto perché non diagnosticata in tempo. Si inizia ad accusare nausea, vomito e forte emicrania quest’ultima via via sempre più intensa, febbre ed episodi convulsivi . In pochi giorni gli emisferi cerebrali diventano morbidi e gonfi, edematosi e meningi seriamente infiammate (meningoencefalite) con imminente stato comatoso Fondamentalmente l’ameba predigerisce il cervello sciogliendolo per poi succhiarselo con calma. L’ameba ha il suo habitat nelle acque, specie a temperatura superiori ai 10 °C, dei laghi, dei fiumi (specie nelle zone di ristagno), nei fanghi, nelle paludi e negli stagni. Per cui un bagno in acque dolci e tiepide potrebbe costarci il “cervello”. Come prevenzione evitare i bagni in acqua dolce (laghi, dighe, fiumi, stagni) o nel caso in cui si faccia, non respirare l’acqua (si consiglia di utilizzare i tappi chiudi narice) ed effettuare dopo il bagno lavaggi nasali con acqua marina (salata). Non fare mai il bagno in piscine non filtrate e non clorate. Attenzione a quelle piscine non clorate e poste nei giardini di casa senza filtraggio e con acqua non ricambiata e a lungo posta sotto il sole per diverso tempo. Infine molta attenzione ai fanghi per le cure termali che non devono mai penetrare nelle cavità nasali.

Dott. Rosario Colianni

Check Also

L’idrogel che supporta la crescita di cellule tumorali a lungo termine

Un team di ricercatori dell’Istituto di nanotecnologia del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Nanotec) di Lecce, …