giovedì , Aprile 15 2021

Barrafranca: Settimana Santa

Il Mercoledì Santo all’imbrunire inizia la Via Crucis detta a “Vasacra”, una rappresentazione itinerante per le strade e le piazze del paese. Ogni stazione è particolarmente curata nella scenografia e nelle musiche; la più coinvolgente quella della crocifissione, si svolge nella circonvallazione illuminata da fiaccole e fari. Il Giovedì Santo, dopo la visita ai ‘sebbuca’ (altari abbelliti con stoffe, piante, grano germogliato e fiori disposti per l’adorazione del SS.Sacramento) a mezzanotte inizia la processione notturna della Croce. I confrati partono dalla chiesa del Convento percorrono la via dei Santi, accompagnati dai lamentatori (gruppi di anziani che intonano le ‘lamentanze’ al suono delle ‘scattiole’ di legno). Di primo mattina, il giorno del Venerdì Santo, dalla chiesa Madre della Divina Grazia esce la statua dell’Addolorata vestita a lutto che ripercorre le vie della città alla ricerca del figlio, nel tragitto è accompagnata dall’apostolo Giovanni. La processione è accompagnata dalle ‘monachelle’, bambine vestite con abito di raso nero e mantello trapuntato di stelle argentate che rappresentano l’Addolorata. Nel primo pomeriggio la processione della piccola statua del Crocifisso, rinvenuta da un contadino in circostanze ritenute miracolose. Per l’occasione viene impiegata una macchina detta ‘U Trunu’ (il trono) che incorpora i meccanismi che consentono il sollevamento dell’asta centrale subito dopo l’uscita dalla chiesa. Il fercolo è sorretto da due ‘bajarde’ per cento portatori. La figura del Cristo è ingioiellata ed attorniata da ‘scocche’ votive multicolori ed è collocata in una sfera, inastata su un globo che simboleggia il mondo. “U Trunu” viene preceduto dall’urna del Cristo Deposto, dall’Addolorata e da San Giovanni. Il giorno di Pasqua, intorno a mezzogiorno l’incontro di Maria col Cristo risorto, la rappresentazione viene effettuata dagli apostoli, impersonati da dodici santoni. La tradizione popolare vuole che la Madonna invita gli apostoli alla ricerca del figlio, San Pietro si muove correndo e San Tommaso con passo strascicato, tutti gli altri portano la buona notizia a Maria che si spoglia del manto nero. Con le campane a festa la statua della Madonna e del Cristo risorto vengono portate di corsa l’una di fronte all’altra per ben tre volte.

 

Canti a cura di Pino Biondo

‘I PARTI DI VINTIQUATTR’URI

(Le parti delle ventiquattro ore)

Rilevamento:Venerdì Santo 1998 – Esecuzione vocale:voce solista, Salvatore Puzzo (1935); coro, Giuseppe Salvatore Giunta, Pietro Paternò, Giuseppe Bevilacqua, Vincenzo La Rocca, Alessandro Giunta. Reg. Giuliana Fugazzotto. La trascrizione è desunta da “La grande eredità” EDIPRINT, di Diego Aleo e Gaetano Vicari.

Cristu a ura di notti detti un signu

consa la cena Giuda miserénu,

mentri la cena iva cunsànnu

lu tradimìntu si iva uprànnu.

Ma Gesù Cristu lu tuttu sapìnnu

chi la sò morti si va bbicinànnu.

A li du’ uri li pidi ci lavàru

iè li tri uri ci li pridicàru (?)

a li quattr’uri all’ortu sinni iru

a li cinq’uri ‘n’angilu calà

E cummértiti c’è lu nostru veru Di’

A li se’ uri la truppa arrivà

Cristu nni li so vrazza s’arrinnì

A li sett’uri lu comunicàru (?)

A l’uttu chi nni scanza di pietàti

A li novi fu tuttu maltrattàtu

A li deci di biancu fu vistùtu

All’unnici comu un poviru carzaràtu

A li dudici fu ‘ncasa di Pilatu

A li tridici a la culònna fu battùtu

E lu ‘ncurinàru a li quattordici uri

Ccu na cruna di spini assai pungénti.

Di russu lu vistìru a quinnici uri

mannà scrittu bianchi e farisei

A li sidici si mossi un gran rumùri

Gridannu “Crucifìssu” li Giudei

A li diciassetti lu pedi a la cruci

ppi amàri suplì la nostra luci

A li dicidùttu lu misiru ‘ncruci

tannu si ‘ntisiru sazii l’Abrei

A li diciannòvi lu misiru ‘ncruci

gridànnu la so mamma tantu affànnu.

Preia a vint’uri lu so Patre duci

chi pirdunàssi a tutti li nnimìci

A vintun’ura acqua ha dumannàtu

ci dittiru feri ie acitu trapassàtu

Cristu a vintidù uri sinnutà (?)

ca lu pedi di la cruci si battì

Vintitrì uri l’hanu sdinchiuvàtu

chi murtu la lanciàta ha ricevùtu.

Vintiquattr’uri l’hanu sippillùtu

tannu si ‘ntisiru sazi l’Abrei.

LODI A CRISTO

Rilevamento:28.03.1997 – Esecuzione vocale strumentale: gruppo musicale “Città di Barrafranca”, diretta dal maestro Salvatore Rizzo.

Ah! Si versate lacrime

Angeli mesti in cielo

Vesti di lutto velo

L’amato ben morì.

Morì per man dei barbari

Morì trafitto in croce

Soffrì la pena atroce

Il Redentor spirò

Morì spirò morì spirò

Morì spirò il Redentor

Morì spirò.

Morì morì morì

Morì spirò il Redentor

Il Redentor spirò.

 

Guarda il video, autorizzazione Comune Barrafranca:

Barrafranca Settimana Santa A Vasacra – U Trunu

 

 

Check Also

“Il brigante giustiziere” by Salvatore Licata

Nella stesura del romanzo storico “Il brigante giustiziere”, le cui vicende sono tratte dagli atti …