venerdì , Luglio 23 2021

Agira: Settimana Santa

Ad Agira i riti sono organizzati ogni anno dalle sette parrocchie presenti nel paese. Nella patria di Diodoro Siculo, il Giovedì Santo nella chiesa del SS.Salvatore vengono scelti tra i più anziani dodici apostoli, indossano vestiti bianchi e una caratteristica aureola, per il rito della “lavanda dei piedi”; dopo la ‘lavanda’ agli apostoli viene dato da bere del vino e consegnata la cena per il giorno successivo, composta da: pane, carciofi, lattughe, finocchi e arance, mentre ai fedeli viene distribuito pane benedetto. Il giorno della Domenica delle Palme, il paese si raduna alle 10,30 presso la chiesa Madre SS.Annunziata, dove si può ammirare un prezioso crocifisso del XV secolo. Conclusa la cerimonia della benedizione delle palme, la processione si reca al SS.Crocifisso per la solenne messa. Il Venerdì Santo, intorno le 18, dalla chiesa di S. Agostino i confrati dell’Addolorata portano in processione a spalla l’antica statua dell’Addolorata, fino alla chiesa del SS.Salvatore. Dopo un’ora giunge la confraternita del ‘Nome di Gesù’ che porta il simulacro “u tamalettu” (il Cristo deposto) risalente al XVII secolo. Inoltre, partecipano alla processione le congregazioni di S.Croce e S.Filippo. La processione è caratterizzata dalla presenza, sotto il baldacchino, del “legno della vera Croce”, che viene usata per benedire, alle 23 al Calvario, i fedeli. La Domenica di Pasqua nella mattinata viene portata in processione la statua (risalente al 1700) del Cristo risorto. Nel pomeriggio, con la esibizione dei stendardi e di giochi pirotecnici, il Cristo risorto incontra la Madonna, Maria SS. della Concordia.

Ad Agira i canti della Settimana Santa non si eseguivano dall’inizio degli anni sessanta, a causa del gran flusso migratorio che decimò la popolazione. Grazie all’intervento del signor Giuseppe Pagliaro, uno dei pochi cantori ancora vivente, che è riuscito a coinvolgere alcuni ragazzi dall’età compresa di venti e trent’anni, quest’anno per il Venerdì Santo, 21 aprile 2000, sono stati eseguiti due canti: ‘A Simàna Santa e ‘U Santu Venniri.Un tempo, durante la Quaresima, si eseguivano anche: Ciancia, ciancia Maria, ‘A Passioni e ‘A Salvi Rigìna. L’esecuzione dei canti era affidata a tre cantori che si alternavano ripetendo ogni verso; la terza voce era denominata schirdìgna perché molto acuta.

 

 

‘U SANTU VENNIRI (Il Santo Venerdì)

‘Gghiorna lu santu venniri matìnu,

la Matri santa si misi ‘n-caminu.

e cci dissi: Matri santa unni iti?

Ppi strata cc’incuntràu san Giuannùzzu,

Persi nu figghiu di trentatrì anni

e lu persi e nu’ nni sacciu nenti.

Vaìti ni la casa di Pilàtu,

ca ddà lu truvaréti ‘n-catinàtu.

Tuppi..tuppi…

Cu èni a stu purticàtu?

Sarà l’afflittarédda di me matri.

Oh matri mia nu vi puozzu rápiri,

ca li Giudéi m’hanu ‘ncatinàtu

e la curuna d’oru m’hanu livàtu

e chidda di li spini m’hanu misu.

Maria passa nti na strata nova,

na porta d’un firràru apérta trova:

“vui so’ mastru, chi facìti astùra?”

“Fazzu li chiova ppi lu to figghiùlu”,

“facitili curtulìddi e minutìddi

c’hanâ pirciàri carnùzzi divìni”.

Rispùsi lu Giudeo malafattùri:

“Iu li fazzu luònghi e ruòssi,

ca nautri tanti cci li iuncirému”.

Maria si nn’ha jutu a chiancìannu

e arrivàu supra nu scuogghiu,

e muortu si visti a lu so figghiu.

“Chiamàtimi a Giuanni ca lu vuògghiu,

quantu m’aiùta a chianciri lu figghiu;

Declamato

Viva Maria e misericordia!

All’alba del Venerdì Santo, la Santa Madre si avviò. Per strada incontrò San Giovanni, le disse: “Madre Santa dove andate?” “persi un figlio di trentatre anni, lo persi e non so più nulla”. “Andate nella casa di Pilato dove lo troverete incatenato”. Tuppi tuppi “chi bussa alla porta”? “Sarà l’addolorata di mia madre, oh madre mia non posso aprire, perchè i Giudei mi hanno incatenato, la corona d’oro mi hanno tolto e quella di spine mi hanno messo”. Maria passa per una strada nuova, trova una porta aperta di un fabbro: “voi fabbro, cosa fate a quest’ora?” “faccio i chiodi per il tuo figliolo!” “fateli sottili e corti, perchè penetreranno carni divine”. Rispose il giudeo malfattore: “io li faccio lunghi e grossi, e li aumenteremo di spessore”. Maria se ne andò piangendo, arrivò sopra uno scoglio e morto vide il suo figlio. “Chiamatemi Giovanni perchè lo voglio, quando mi aiuta a piangere il figlio”.

By Pino Biondo

Check Also

Agira (EN)

Agira si estende su più di 200 metri di dislivello. Alla sommità del paese, tra …