domenica , Marzo 7 2021

Gagliano Castelferrato: Settimana Santa

Gagliano Castelferrato. Nella sera della Domenica delle Palme le quattro confraternite danno inizio alle “quanrant’ore”.

La processione del Venerdì Santo, che prende il via dalla chiesa di San Giuseppe, è caratterizzata da un crocifisso ligneo della seconda metà del seicento, custodito nella chiesa di San Giuseppe; da un “Cristo alla colonna”, sempre del seicento in legno d’ulivo, custodito nella chiesa dell’Annunziata; Gesù nell’urna, custodito nella chiesa Madre e l’Addolorata, di due secoli addietro, appartenente alla chiesa di San Agostino.

Canti a cura di Pino Biondo

CIANCI, CIANCI MARIA (Piangi, piangi Maria)

Rilevamento: Gagliano Castelferrato, marzo 1993 -Esecuzione vocale:prima voce, Vito Di Mario (1917); seconda voce solista, Vincenzo Zappulla (1914); terza voce solista, Francesco Palmisano; quarta voce (‘u faziettu), Angelo Zappulla che fa di prima ne’ “A Simana Santa”; coro, Vito Di Mario (anni 24), Francesco Fiorenza (anni 67), Pippo Friscia (anni 34), Antonio Lambusta (anni 55), Domenico Fiorenza, Antonino Zappulla (anni 67), Carmelo Fiorenza, Gaetano Stanco (anni 51), Salvatore Di Mario (anni 73). Il brano è stato registrato il Giovedì Santo durante la visita ai sepolcri, presso la chiesa di S. Agostino. Il repertorio era eseguito nel passato anche durante la quarantana per la via principale del paese, in piazza, nelle processioni. Oggi i lamenti sono in grave crisi, per la perdita di alcuni cantori solisti deceduti; nel 1999 sono stati intonati con difficoltà il Giovedì per l’adorazione dei santi Sepolcri, ed il Venerdì in processione. Il testo ci è stato riferito dai cantori: Vito Di Mario ed Angelo Zappulla.

Cianci, cianci Maria, povira donna,

ca lu tò figghiu è juntu a la cunnànna.

Nun lu spittàri no ca cchiù nun torna,

ca ‘n-casa è juntu di Pilatu, donna.

“O Piatru, Piatru d’unni t’arricùagghi?

Lu vidisti a ma figghiu, era ccu tia?”

“Appuggiàtu lu visti a la culonna,

ccu quattru abbatitùri dui ppi latu,

cu cchiù putìa abbàttiri abbattìa”.

Affàccia, affàccia Maria ca to figghiu passa,

ca ‘n-cuoddu porta na catìna rossa;

di quantu è rossa tuttu si sdillàssa.

Purpi nunn’avia cchiù supra di l’ossa.

Maria etta na vuci supra lu scuogghiu,

quannu muortu si visti a lu so figghiu.

Chiamàtimi a Giuanni ca lu vuagghiu,

quantu m’aiùta a chianciri a ma figghiu.

“Tu lu cianci ppi muartu e iu ppi figghiu.

Di nivuru purtaticcìllu lu cummùagghiu,

quantu cuprìsciu la faccia a ma figghiu!

Imucci tutti avànti ca trapassa,

primu ca si lu portanu a la fossa.

Maria sula sulidda s’arricògghia,

senza ddu cori amàtu di so figghiu.

Piangi, piangi Maria, povera donna, perché tuo figlio è arrivato alla condanna. Non lo aspettare perché non ritornerà più, donna, è arrivato in casa di Pilato. “O Pietro, Pietro da dove vieni? Hai visto

mio figlio, era con te?” “Lo vidi appoggiato alla colonna, con quattro battitori, due per lato, facendo a gara chi lo battesse più forte”. Affaccia, affaccia Maria che tuo figlio passa, addosso porta una grossa catena, tanto è robusta che lo fa inclinare. Non ha più carne sulle ossa. Maria gettò un grido sopra uno scoglio, quando vide morto suo figlio. Chiamatemi Giovanni perché lo voglio, così mi aiuta a piangere mio figlio. Tu lo piangi per morto e io per figlio. Portate un telo nero, quando copro il viso di mio figlio! Andiamo tutti prima che muore, prima che lo portano nella fossa. Maria da sola ritorna, senza il cuore amato di suo figlio.

Check Also

L’ultimo viaggio di Enrico Mattei

A vedere Enrico Mattei per l’ultima volta furono i gaglianesi in quel 27 ottobre di …