giovedì , Febbraio 25 2021

Cerami: Settimana Santa

Cerami. Le quattro confraternite: San Michele (con i suoi novecento anni dovrebbe essere la più antica di Sicilia), San Sebastiano, Maria SS. del Carmelo e San Antonio Abate, nel pomeriggio della Domenica delle Palme iniziano, nella chiesa di San Ambrogio, l’adorazione del SS.Sacramento che si conclude a tarda sera con la benedizione Eucaristica.

Intorno alle 22 del Giovedì Santo i confrati si recano in processione alla chiesa del Carmine per far visita al SS.Sacramento, per poi rientrare alla chiesa Madre dopo la mezzanotte. La sera del Venerdì Santo i fedeli accompagano in processione il Crocifisso, l’Addolorata e il Cristo Morto.

Canti a cura di Pino Biondi

SALVE REGINA DELL’ADDULURATA

Esecuzione vocale: prima voce, Salvatore Montesano (anni 73), Michele Anello (anni 51); coro, Domenico Anello (anni 58), Silvestro Proto (anni 67), Giovanni Chiovetta (anni 67), Giovanni Milia (anni 71), Antonio Cavalieri (anni 41), Luigi Testa (anni 66), Michele La Blunda (anni 28), Sebastiano Gagliano (anni 44); basso, Michele Messina.

Ave o Salve Regina

o Matri Addulurata,

vi sia raccumannata

l’Arma mia.

Na razia io vurrìa

disìa stu cori ‘ngratu

firutu e trapassatu

di la so spada.

La mia vita è passata

fra tanti gran piccati

pi grazia vui priati

a vostru Figghiu.

A nui dasti cunsigghiu

iu stissu contruarbali

cianciannu a lacrimari

li ma erruri.

Stu cori cu gran duluri

spizzatimillu vui

piccari nun vogghi chiù

chiutostu mortu.

A nui dasti cunfortu

nell’ultima agunìa

vi prego o Matri mia

nun mi lassati.

St’arma ‘ncelu purtati

e ‘ncelu gluriusa

bedda Matri amurusa

eternamenti.

Appue cu l’autra menti

la grazia quannu arriva

viva la Matri viva

Addulurata

La salve Rigina è ditta

e ‘ncelu sarà scritta

o cori di Maria

l’apprisintamu.

E nui cu veru cori

Maria cu veru visu

ni ci accumpagna st’arma

in paradiso.

E in paradisu sia

viva viva Gesuzzu

viva viva Gesuzzu

viva Maria.

Ave, salve regina o madre addolorata, vi sia raccomandata l’anima mia! Una grazia vorrei, lo desidera questo cuore ingrato, ferito e trapassato dalla sua spada. La mia vita è trascorsa fra tanti gran peccati, per grazia intercedete presso vostro figlio. A noi desti consiglio, io stesso conturbato piango con lacrime i miei errori. Questo cuore afflitto spezzatelo voi, non voglio peccare più, piuttosto preferisco morire. A noi desti conforto nell’ultima agonia, vi prego madre mia non mi abbandonate.

Quest’anima portate in cielo, in cielo glorioso, bella madre amorosa, per l’eternità. Dopo, con il pensiero, attendiamo la grazia che arriverà. Viva la Madre, viva l’Addolorata! La salve regina abbiamo recitato, in cielo sarà scritta, al cuore di Maria la presentiamo. Noi con cuore vero, Maria con viso sincero, accompagnerà le nostre anime in paradiso. In paradiso sia, viva, viva Gesù, viva Maria.

 

foto by Giovanni Castellana

Check Also

Cerami (EN)

Cerami è unico comune della provincia ennese che ricade nel Parco dei Nebrodi, gode di …