sabato , Novembre 26 2022

Regalbuto. Strade, storie, leggende, uomini ed eroi

Regalbuto. Strade, storie, leggende, uomini ed eroi di Francesco Miranda
Il testo, partendo dalla toponomastica cittadina, vie e piazze di Regalbuto, vuole dare la possibilità al lettore di conoscere i personaggi e le località ai quali strade e piazze del Comune sono intitolate; esso vuole stimolare, soprattutto i più giovani, ad approfondire le conoscenze della storia nazionale e locale possedute, e vuole, contemporaneamente, recuperare la memoria dei numerosi militari regalbutesi che nel corso della Prima Guerra mondiale del 1915/18, perdettero la vita per difendere la Patria. Quasi la metà delle vie cittadine sono intitolate a loro, agli eroi della Grande Guerra, ignorati e silenziosi, che alle nuove generazioni risultano completamente sconosciuti. Nei nomi delle piazze e delle vie cittadine c’è tutta la storia del nostro Paese, c’è la storia di personaggi del passato, anche lontanissimo, che si distinsero in campo nazionale e locale in tutti i campi, medicina, ricerca, letteratura, vita politica e sociale. L’autore del libro si assume il compito di “raccontare” la storia attraverso la toponomastica, settore di indagine in evoluzione che si avvale dei contributi scientifici della storia, della geografia, delle discipline economiche, delle scienze politiche e sociali.
Al lettore che percorre quelle strade l’autore racconta inoltre le leggende, l’origine dei nomi, le curiosità, le “storie” ad esse legate, gli mostra monumenti, palazzi, vestigia del passato: parla quindi di strade, storie, leggende, uomini ed eroi.


Questo libro ha un triplice ambizioso intento: dare la possibilità al lettore comune, e ai ragazzi in particolare, di conoscere i personaggi e le località ai quali strade e piazze del nostro comune sono intitolate; stimolare i giovani studenti ad approfondire le conoscenze di storia nazionale e locale possedute; recuperare la memoria dei numerosi militari regalbutesi che nel corso della Prima Guerra mondiale del 1915/18 perdettero la loro vita nelle sponde del Piave e dell’Isonzo o nelle trincee del Carso, della Bainsizza, di Asiago, di Passo Buole, Caporetto e Vittorio Veneto. Molte vie e piazze cittadine, quasi la metà delle vie comunali, sono infatti intitolate a loro, agli eroi della Grande Guerra che alle nuove generazioni, e non solo a loro, risultano completamente sconosciuti. Di alcuni di questi “ragazzi” si conosce solo nome e cognome, della maggior parte di essi siamo riusciti a ricostruire parte della loro vita, famiglia di appartenenza, luoghi in cui combatterono, luoghi dove persero la vita e dove sono ancora seppelliti: tutto ciò grazie alla collaborazione e alla disponibilità dell’Ufficio stato civile del Comune di Regalbuto ma anche dell’Archivio di Stato di Caltanissetta che ci hanno fornito la maggior parte delle notizie che qui riportiamo.
Nei nomi delle vie e piazze cittadine c’è tutta la storia italiana di un secolo e mezzo, la storia che inizia con il Risorgimento e si completa con i nomi eroici della Resistenza e con quelli dei Padri della nostra Costituzione e della ricostruzione italiana dopo la seconda guerra mondiale. Nelle strade e nelle piazze vengono ricordati inoltre personaggi del passato che si distinsero nel nostro paese per le loro opere nel campo della medicina, della ricerca, della letteratura, della vita politica e sociale: un caleidoscopio di nomi che toccano i diversi secoli della storia nazionale e locale.

Si può raccontare la storia attraverso i nomi delle vie cittadine? Personalmente ritengo di sì; credo che la toponomastica cittadina, o meglio l’odonomastica, che è una branca della toponomastica e che studia dal punto di vista storico-linguistico l’insieme dei nomi delle strade, piazze e aree di circolazione di un centro abitato, sia uno dei più efficaci approcci metodologici per il formarsi della coscienza storica. Le indicazioni per il curricolo per la scuola dell’infanzia e per il primo ciclo di istruzione del 2007 ritengono che “obiettivo della storia è comprendere e spiegare il passato dell’uomo, partendo dallo studio delle testimonianze e dei resti che il passato stesso ci ha lasciato. La conoscenza storica si forma e progredisce attraverso un incessante confronto fra punti di vista ed approcci metodologi diversi”. La toponomastica, ma anche la filatelia e la numismatica, sono da considerare a pieno titolo strumenti privilegiati di conoscenza storica.
La toponomastica, in particolare, è un settore di indagine in piena evoluzione che si avvale dei contributi scientifici della storia, della geografia, delle discipline economiche, delle scienze politiche e sociali, delle lingue antiche e moderne. Si avvale di questi contributi ma concorre essa stessa a spiegare fenomeni ed avvenimenti di queste discipline, a divulgarli, esplicitarli e amplificarli.
Un’accurata indagine storica sull’evoluzione dell’odonomastica porta a mettere in risalto alcune considerazioni:
1.Che dopo il 1861, al fine di consolidare in tutta la penisola gli ideali unitari, i vari governi che si succedettero nel nostro paese, tesero a mitizzare i personaggi artefici dell’Unità e a ribattezzare vie e piazze con i nomi dei “padri” del Risorgimento. Sorsero così tante vie Garibaldi, Cavour, Mazzini, Vittorio Emanuele, ecc. Anche la nostra cittadina seguì tale indicazione, gli amministratori del tempo intitolarono strade e piazze a fatti, personaggi, luoghi storici del Risorgimento: via Cavour, via Garibaldi, piazza Mazzini, via Vittorio Emanuele, via Cairoli, via Crispi, via Nizza, via Plebiscito, via Regina Margherita, piazza del Re (poi ribattezzata piazza della Repubblica), via XX Settembre(poi ribattezzata via Roma), piazza Savoia. Tralasciarono di ricordare Nino Bixio, sicuramente memori del “trattamento” che ebbero il 9 agosto del 1860 quando Bixio fece “visita” anche a Regalbuto dopo aver scritto, fra l’altro, nel suo proclama: “Con noi poche parole: o voi ritornate al pacifico lavoro dei campi e vi teniate tranquilli, o noi in nome della giustizia e della Patria nostra vi distruggiamo come nemici della umanità: ci siamo intesi”(sic). Anche la via dei Mille, sebbene intitolata qualche decennio fa, si inserisce in tale filone.

2.Nei due decenni dopo l’Unità, anche l’Italia volle iniziare una sua politica coloniale; era il periodo in cui le grandi potenze europee, oltre che la Russia e gli Stati Uniti, fecero a gara per spartirsi il mondo. L’Italia fino al 1882 non aveva nulla, poi il governo ebbe l’idea di comprare la Baia di Assab dalla compagnia Rubattino; nel 1884 una spedizione italiana occupò la città di Massaua con lo scopo di farne un porto commerciale delle regioni retrostanti. Poi avanzò verso l’interno conquistando l’Eritrea, la Somalia e, nel 1912, la Libia. Regalbuto ricordava e ricorda il colonialismo italiano con la via Bengasi, via Tripoli.

3.Poi la Grande guerra alla quale l’Italia contribuì con 700 mila morti oltre alle centinaia di migliaia di feriti. Regalbuto dedicò molte strade ai suoi figli; più di cento vie, piazze, vicoli( pressapoco la metà di tutti i toponimi cittadini, che sono 244), furono intitolati ai caduti della Prima Guerra mondiale. Vennero ricordati anche personaggi e località della Grande Guerra: Cesare Battisti, i Bersaglieri, Luigi Cadorna, Armando Diaz, il Fante, Fiume, Gorizia, Grappa, Isonzo, Istria, Piave, Pola, Nazario Sauro, Trento, Trieste, XXIV Maggio, Vittorio Veneto, Zara.

4.Il fascismo accentuò molto l’aspetto nazionalistico e patriottico, esaltò la retorica della “grande potenza”: volle che tutti i comuni d’Italia avessero una via o una piazza Roma, e poi i nomi delle grandi città italiane, Milano, Firenze, Bologna, Napoli, Torino, Venezia, ecc. Via XI Febbraio ricorda il concordato del 1929 tra lo Stato e la Chiesa; via Filippo Corridoni, ricorda l’eroe morto sul Carso delle cui eroiche gesta il fascismo si appropriò.

5.All’antifascismo e alla ricostruzione sono dedicate importanti vie o piazze: piazza Matteotti, via Don Giuseppe Campione, via Gramsci, largo Don Sturzo, piazza della Costituzione, via Alcide De Gasperi, via Einaudi, via Mameli, via Moro, via Pertini, via del Popolo, largo, della Regione, piazza della Repubblica, villaggio UNRRA Casas, via 1^ Maggio (alcuni di questi odonimi sono stati battezzati in tempi recenti).

6.Altre strade ricordano:
i santi (San Domenico, San Francesco, San Giovanni, San Giuseppe, San Lorenzo, San
Rocco, San Sebastiano, Santa caterina, Santa Lucia, Sant’Antonino, Sant’Ignazio, San Vito);
personaggi storici antichi(Archimede, Empedocle, Giulio Cesare, Re Manfredi),
uomini illustri italiani(Bellini, Capuana, Croce, Dante, Galileo Galilei, Guttuso, Leonardo da Vinci, Manzoni, Marconi, Michelangelo, Pirandello, Quasimodo, Sciascia, Verga);
uomini illustri locali (Marc’Antonio Alaimo, G.F.Ingrassia, Abate Guarneri, Vito Citelli Morgana, Salvatore Citelli, Riccardo Lombardi, Mons. Piemonte, Andrea del Guasto);
vittime della mafia (Borsellino, Falcone, Pio La Torre, Livatino);
personaggi e avvenimenti recenti (Giovanni XXIII, Paolo VI, caduti di Nassirya, piazza Europa, Enrico Mattei, Che Guevara);
note città e regioni italiane (Brindisi, Cagliari, Genova, Lazio, Sardegna, Sassari, Taranto, Sicilia);
monti e catene montuose(Alpi, Appennini, Etna);
fiumi italiani e regionali(Adige, Arno, Po, Tevere, Alcantara, Dittaino, Salso, Simeto); città siciliane (Agrigento, Catania, Enna, Messina, Palermo, Siracusa, Trapani) località storiche locali( Amaselo, Badia Vecchia, Concezione, Crocifisso, Lago Pozzillo, Nostra Donna, Orto Signore, Pietra Grossa, Purgatorio, Saraceno).

Puoi iniziare a leggere questo libro cercando, in ordine alfabetico, il nome della via dove abiti o dove abitano i tuoi parenti o i tuoi amici; puoi anche cominciare aprendo il libro a caso e poi procedere, sempre a caso, alla scoperta di ogni angolo della tua città, e raccogliere informazioni e curiosità storiche.
Tante vie e piazze, tante schede che seguono un comune schema, dove trovi l’indicazione della strada e la sua localizzazione nel territorio comunale, la presentazione del personaggio a cui la strada o la piazza è dedicata, monumenti, palazzi, costruzioni note esistenti nella strada, storie, leggende, curiosità legate a ciascuna località qui presentata.


L’AUTORE
Francesco Miranda (nato 1942), dirigente scolastico in quiescenza. Laureato in pedagogia, ha insegnato per 15 anni presso il Circolo didattico di Regalbuto e per 30 anni ha diretto la Scuola primaria e la Scuola dell’infanzia di Regalbuto. Ha una lunga esperienza nella organizzazione e gestione di corsi di formazione per docenti della scuola dell’obbligo.
Iscritto all’Ordine dei Giornalisti di Sicilia – albo Pubblicisti – è stato corrispondente del “Giornale di Sicilia” di Palermo dal 1972 al 2004; ha scritto numerosi articoli per il quotidiano “La Sicilia” di Catania, l”Ora” di Palermo e “Tuttoscuola”.
Ha curato l’edizione aggiornata del testo “Fulgenzio da Caccamo, Sommario delle cronologiche notizie della Vita, Virtù e Miracoli del Venerabile Padre Fr. Andrea Del Guasto di Castrogiovanni, fondatore degli Eremitani Riformati Agostiniani della Congregazione di Sicilia detta di Centuripe, Assoro, Edizioni NovaGraf 2010. Si interessa di ricerche storiche.

Check Also

“Fake news – pericoli e opportunità per la nostra libertà” il nuovo libro di Alain Calò

È uscito in questi giorni il nuovo libro di Alain Calò dal titolo “Fake News …