giovedì , Ottobre 21 2021

Palermo. 9ª Giornata del Contemporaneo: INTRO_dialogo tra i luoghi

INTRO leggINTRO_dialogo tra i luoghi. Nelle presente operazione pensata ad hoc per gli spazi del cinquecentesco oratorio palermitano di San Lorenzo e promossa dagli Amici dei Musei Siciliani in occasione della 9ª Giornata del Contemporaneo AMACI, il rapporto con il luogo è indagato da un nucleo di sei artisti: Christian Boltanski, Antonio Freiles, Anna Guillot, Luciana Rogozinski, Maurizio Ruggiano, Peter Wüthrich. Oggetto da sempre di incommensurabili dissertazioni, i concetti di “luogo” e di “spazio” sono campi d’azione oggi più che mai investigati per le relative, problematiche e cruciali estensioni. L’accezione di “luogo”, nel caso di questa mostra, è però circoscritta, seppure variamente estesa. Qui, nella cappella di Giacomo Serpotta, il trionfo barocco annesso all’Oratorio, Luogo è l’INTROibo che Antonio Freiles compie introducendo le Chartae e i libri intesi come «spazio nello spazio» («l’operazione dialettica pagina/libro, libro/installazione, installazione/architettura»). Con funzione diversa rispetto al percorso della mostra, altra INTROduzione è l’allestimento di Luciana Rogozinski dove il Luogo è spazio d’interazione semantica («l’allestimento concettuale dove il luogo è lo spazio paradossale determinato dalla sostanza angelica dell’Immagine astratta»). Luogo è “persona” nelle INTROspezioni che Anna Guillot («l’infinita reversibilità e proliferazione degli opposti che confluiscono nel luogo di un nome e di un volto»), e Maurizio Ruggiano («la lacerazione dell’idea di luogo:il cammino visibile della figura e gli spazi invisibili delle voci») compiono, rispettivamente tra fotografia e video, dentro il sé come nel dialogo con l’Assoluto. Luogo è città nelle INTROmissioni, Angels in Cimiano, Madrid e Paris – nonché a breve in Sicily – di Peter Wüthrich («un progetto con implicazioni antropologiche, definito in un set di ripresa video-fotografica e reso anche in cartaceo»). Luogo a latere è infine quello dei 10 libri d’artista di Christian Boltanski («la reminiscenza tragica resa dalla Storia»), che il KoobookArchive/Lab_KA ha fornito, per un’accezione spazio/tempo intesa come peculiarità del lavoro sul libro.

Il finissage di chiusura mostra prevede la presentazione di un ‘fotofoglio’ di documentazione con testi di Anna Guillot e Luciana Rogozinski (edizioni KoobookArchive).

INTRO_dialogo tra i luoghi

Christian Boltanski, Antonio Freiles, Anna Guillot, Luciana Rogozinski, Maurizio Ruggiano, Peter Wüthrich.

da un’idea di Anna Guillot

testi di Anna Guillot e Luciana Rogozinski

Palermo Oratorio di San Lorenzo

5/31 ottobre 2013

opening 5 ottobre ore 18:00

Check Also

Nano-convertitori ottici ultraveloci comandati dalla luce

La nuova tecnologia ideata dai ricercatori degli istituti di Nanoscienze (Nano) e di Fotonica e …