giovedì , Aprile 22 2021

Sicilia: in vendita alcuni borghi rurali

Borgo-Baccarato AidoneI borghi rurali degli anni quaranta, disseminati nelle nove provincie e appartenenti al demanio regionale, potranno essere venduti ai privati. Lo ha deciso l’Assemblea regionale siciliana approvando, con voto unanime, una mozione di cui è primo firmatario Nello Musumeci.

I borghi rurali, in stato di abbandono, sono: Gaetano Schirò, Portella della Croce, Vicaretto e Domenico Borzellino in provincia di Palermo, Bruca in provincia di Trapani, Pietro Lupo in provincia di Catania, Schisina, San Giovanni e Salvatore Giuliano in provincia di Messina, in provincia di Enna (nella foto), Petilia in provincia di Caltanissetta e Antonino Bonsignore in provincia di Agrigento.

L’iniziativa tende a salvaguardare alcuni di questi borghi con interventi strutturali, promuovendo “un disegno organico complessivo che rimodula il rapporto tra gli antichi centri e le aree vicine e propone nuove funzioni di servizio e di promozione che si collegano in maniera più pertinente alla profonda trasformazione dei territori rurali e all’obiettivo di un loro sviluppo sostenibile”.

I borghi rurali che non rientreranno negli interventi di riqualificazione adottati dalla Regione attraverso l’Esa, potranno essere venduti a privati, vincolandone la destinazione ad attività turistico-ricettiva e lasciandone inalterata la cubatura, per evitare speculazioni e devastazioni dell’importante patrimonio di architettura rurale.

Spetta adesso al governo, che in aula ha espresso parere favorevole, adottare le iniziative conseguenti.

Check Also

Luce e nanoparticelle per una catalisi ‘verde’

Uno studio condotto da Cnr, Università di Modena e Reggio Emilia, Università di Bologna e …