giovedì , Maggio 6 2021

ETNA, 12 FEBBRAIO 2014, ORE 12:00 GMT

etna eruzione 12feb14Al nuovo cratere di Sud-Est (NSEC) dell’Etna sta continuando l’attività stromboliana persistente, che nelle ore mattutine del 12 febbraio 2014 si è leggermente intensificata, ed è periodicamente accompagnata dall’emissione di modeste quantità di cenere vulcanica. Tale attività, come si presentava all’alba del 12 febbraio, è visibile nell’immagine a sinistra, registrata dalla telecamera visiva ad alta sensitività sulla Montagnola (EMOH); un filmato registrato dalla stessa telecamera in quel intervallo è disponibile sul canale YouTube dell’INGV-Osservatorio Etneo. Dalla bocca effusiva che si trova all’interno della nicchia di distacco del crollo avvenuto la mattina del 11 febbraio sul basso versante orientale del cono del NSEC, una colata di lava si sta riversando verso la Valle del Bove. Nella notte, il fronte di questa colata aveva raggiunto la base della ripida parete occidentale della Valle, per avanzare successivamente sul terreno pianeggiante a nord di Monte Centenari.

Nella zona instabile dalla quale ha avuto origine la valanga di materiale roccioso caldo delle ore 06:07 GMT (=ore locali -1) del 11 febbraio, sul basso fianco orientale del cono del NSEC, stanno sporadicamente avvenendo piccoli crolli che producono nubi di cenere rossastra.

L’ampiezza media del tremore vulcanico nelle ultime 24 ore ha mostrato le ormai consuete fluttuazioni, mantenendosi in generale su un livello superiore a quello normale.

INGV

Check Also

Luce e nanoparticelle per una catalisi ‘verde’

Uno studio condotto da Cnr, Università di Modena e Reggio Emilia, Università di Bologna e …