giovedì , Aprile 15 2021

Classificazione delle strade provinciali di Caltanissetta

Caltanissetta strade provincialiL’Amministrazione provinciale di Caltanissetta ha deliberato la nuova classificazione funzionale della viabilità extraurbana di competenza dell’ente.

“Grazie all’impegno dei tecnici del Settore viabilità del nostro Ufficio Tecnico, protrattosi per oltre sei mesi – rimarca il commissario – si è proceduto formalmente alla classificazione delle strade provinciali, secondo i dettami del codice della strada. Si tratta di una prima applicazione di tali classifiche, in attesa che il Ministero delle Infrastrutture disciplini la materia con un apposito decreto, per come previsto dall’articolo 13 del Codice della Strada. Questa classificazione tiene conto della tipologia delle nostre arterie in ragione del traffico, delle condizioni plano-altimetriche, dei collegamenti tra i comuni, ecc, ed è funzionale alla regolamentazione dell’apertura di passi carrai da parte di utenze private”.

Le strade di competenza provinciale sono in tutto 212 che si sviluppano per un totale di 1.133 chilometri: la maggior parte di esse sono al servizio di una viabilità prettamente locale. Il Settore viabilità dell’ente ha proceduto, nel contesto di tale classificazione, all’effettuazione di un censimento su una quarantina di strade-campione, operato grazie alle rilevazioni acquisite direttamente dai collaboratori professionali capi cantonieri.

Le strade sono state suddivise in due categorie in base al volume di traffico registrato: la categoria “C” (che a sua volta si articola in due sotto-categorie) comprendente 32 arterie, e la categoria “F” (anch’essa suddivisa in due sotto-categorie) che comprende le rimanenti 180; rientrano nella prima categoria le strade con volume di traffico superiore a 100 veicoli all’ora, e nella seconda le strade con volume inferiore. Per la categoria “C” è stata, di conseguenza, prevista una regolamentazione più restrittiva relativamente alle autorizzazioni ai passi carrai, rispetto alla categoria “F”.

“Questa classificazione – aggiunge il commissario Sirico – viene anche incontro alle richieste pervenuteci nel tempo, e da più parti, per individuare la categoria idonea per ogni strada. Purtroppo le condizioni generali della rete viaria non sono delle più floride, per via delle forti limitazioni finanziarie che continuiamo ad avere e che ovviamente riducono le possibilità di intervento, soprattutto per la manutenzione straordinaria: tant’è che nonostante il limite massimo di velocità consentito sulla rete provinciale sia di 90 kmh, di fatto nella maggior parte dei casi siamo stati costretti ad abbassarlo a meno di 50 kmh. proprio a causa delle condizioni precarie di molti tratti”.

La strada provinciale con il maggior volume di traffico è la n. 29 Caltanissetta – San Cataldo (meglio nota come “Due Fontane”), dove si è registrata una media di 650 veicoli all’ora nei due sensi di marcia (la strada, peraltro, è in continuo monitoraggio grazie a due visualizzatori di velocità fissi).

Rientrano anch’esse tra le più trafficate la Sp. 1 “Caltanissetta – Delia”, la Sp. 6 “San Cataldo – Stazione San Cataldo – scorrimento veloce CL-AG”, la Sp. 8 “Burrone Contrasto – Butera – Gela”, la Sp. 40 (dal km. 2,200 della Sp. 6 al km. 51,260 della statale 122), la Sp. 81 “Gela – incrocio Sp. 83” e la Sp. 83 (dalla statale 117 bis allo svincolo Carruba scorrimento veloce CL – Gela).

Check Also

Mare caldo e anomalie atmosferiche favoriscono i tornado italiani

Pubblicato su Atmospheric Research un recente studio dall’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del …