domenica , Maggio 19 2024

Palermo. Al Teatro Biondo l’Aida di Roberta Torre tra ragion di Stato e ragion del cuore

Aida Roberta TorrePalermo. E’ un’opera che attende di stupirci per comunicare l’urgenza di un oggi ridotto a pezzi dalla ragion di Stato ma riedificabile dalle ragioni del cuore, l’Aida scritta e diretta da Roberta Torre che debutta stasera al Teatro Biondo Stabile per restare in scena sino al 2 marzo. Un Aida insolita, che non si paragona all’opera verdiana né si presenta “queer”, ci tiene a precisare la regista nella presentazione alla stampa dello spettacolo “L’opera teatrale musicale è un modo per confrontarmi con un momento storico che stiamo vivendo per questo mi avvalgo di personaggi che non si rifanno al passato ne sono riconducibili a qualcuno in particolare nella realtà, sono piuttosto degli archetipi drammaturgicamente”.

Il circo, la retorica del patriottismo e della gloria pronta a tramutarsi in elefanti “omogeneizzati”, desideri e smanie di potere in procinto di disintegrarsi in un’atmosfera pop, colorata e surreale, stanno per entrare nell’immaginario di un pubblico che non deve aspettarsi i fasti verdiani, piuttosto dimenticarli e rendersi pronto ad ascoltare la lingua spiazzante di Radamès, che va oltre ogni immaginario, oltre l’invenzione stessa; “Non abbiamo più lingue per raccontare la realtà” afferma perentoria la Torre “ Non ci sono più parole”.

Quest’ultimo è il pensiero che istantaneamente sorge nel veder seduto a fianco alla regista milanese, un elegantissimo e vibrante Ernesto Tomasini; performer e sopranista che da anni vive all’estero; esuberante nel trucco e nella sua esibita cresta gialla, pacato e magnetico nel descrivere la sua Aida che va oltre i generi, segue il mutamento della mascolinità e della femminilità, il loro connubio e le loro insanabili distanze . Aida, insieme ad Amneris, sono in scena uomini innamorati e in conflitto per il guerriero Radames in uno scenario di decadenza e disillusione che non promette nulla di rassicurante.

La drammaturgia dello spettacolo è di Igor Esposito e di Roberta Torre; che ne cura la stessa regia.

Gli interpreti sono: Ernesto Tomasini, Massimo Vinti, Rocco Castrocielo, Salvatore D’Onofrio, Silvia Ajelli, Aurora Falcone; musiche, Roberto Castello; scene, Roberto Crea; costumi, Dora Argento.

Produzione Teatro Biondo Stabile di Palermo.

Livia D’Alotto

Photo Maria Catalano

Check Also

La strategia di sopravvivenza dei coralli tropicali al clima che cambia

Studi condotti dal Consiglio nazionale delle ricerche su esemplari di coralli tropicali hanno permesso di …