sabato , Maggio 8 2021

A Catania Blank Disrupt, l’evento sull’innovazione che cambia il mondo

catania monastero benedettiniCatania. I prossimi 28-29 marzo si terrà a Catania il primo Blank Disrupt italiano (www.blankdisrupt.com), due giornate dedicate a diffondere la cultura, le metodologie e la pratica realizzazione di quella che iene denominata innovazione disruptive.

L’innovazione non riguarda solo ambiti tecnologici: le sfide poste oggi all’uomo nel campo professionale, nell’organizzazione del lavoro e dell’impresa, possono essere risolte solo attraverso un cambiamento radicale capace di offrire soluzioni fuori dagli schemi consolidati e di creare nuovi paradigmi.

Per affrontare queste sfide Blank Disrupt prevederà una giornata di conferenze e una giornata di workshop che vedranno l’intervento di speaker internazionali che parleranno di temi di grande attualità nel mondo dell’innovazione.

Il 28 marzo sarà la giornata dedicata ai workshop, che si terranno presso l’Hotel UNA di Catania. I partecipanti avranno modo di sperimentare varie tecniche innovative, come la cocreazione con metodologia Lego Serious Play che con il massimo coinvolgimento dei player coinvolti consente di trovare soluzioni a problemi complessi, e per le startup i sistemi di test al proprio prodotto o modello di business che ne accelerano la verifica e lo sviluppo.

Il 29 marzo si susseguiranno i talk presso il Monastero Benedettino di San Nicolò (nella foto), location prestigiosa e di grande suggestione che oggi ospita il Dipartimento di Scienze Umane dell’Università di Catania.

Il keynote che aprirà la giornata offrirà una panoramica dell’ecosistema mediterraneo dell’innovazione, poi si parlerà di Bitcoin, la nuova moneta virtuale sempre più integrata nelle piattaforme digitali che fa tremare i sistemi monetari, delle ultime frontiere del design e delle organizzazioni liquide capaci di adattarsi più facilmente al cambiamento.

Spazio anche alla gamification, ovvero l’utilizzo di giochi per attrarre nuovi clienti con l’intervento della startup di successo siciliana Beintoo, e alla microelettronica pionieristica e nanotecnologie applicate che rendono possibili servizi ad alto valore aggiunto come il trattamento dei pazienti da remoto e la diagnostica dello stato strutturale dei beni architettonici.

Check Also

Luce e nanoparticelle per una catalisi ‘verde’

Uno studio condotto da Cnr, Università di Modena e Reggio Emilia, Università di Bologna e …