venerdì , Maggio 24 2024

Palermo, Palazzo Riso: Van Gogh secondo il coreografo Loris Petrillo

van gogh_by lomonaco  rid  008Colori, genio e follia, ma anche malattia, nevrosi e terapia. La performance “Van Gogh -physical performance with versatile and installational structure” del coreografo Loris Petrillo, tra i più apprezzati e stimati del panorama internazionale della danza contemporanea, è il terzo appuntamen-to della rassegna Contemporaneo Sensibile, dedicata ai nuovi linguaggi della scena, organizzata dalla direzione del Museo d’arte contemporanea della Sicilia Palazzo Riso, Capuantica Festival, E-streusa e Circuito Danza Lazio, in collaborazione con Teatri di pietra e Una danza in Sicilia.

Sabato 29 marzo alle ore 21 (replica domenica 30 marzo alle ore 17.30) al Museo Riso di Pa-lermo andrà in scena la nuova performance di Loris Petrillo, prodotta da Mda Produzioni Danza e Petrillo Danza, dedicata alla figura di Van Gogh, il pittore olandese geniale e incompreso, almeno in vita, che ha influenzato l’arte del XX secolo.

Partendo dallo studio di un medico italiano, Renzo Ovidi (secondo il quale Vincent Van Gogh, no-toriamente considerato un pittore pazzo morto suicida, in realtà era un uomo affetto da sindrome ca-renziale affettiva di probabile origine familiare), Petrillo crea la sua nuova opera utilizzando la co-reografia non come mezzo descrittivo, ma conferendole una funzione espressiva istintiva in grado di suscitare emozioni. Così come Van Gogh attraverso la pittura non narra fatti o descrive luoghi, ma è interessato piuttosto al significato di ciò che rappresenta, Loris Petrillo elude dal racconto biografi-co del personaggio per creare lui stesso opere corografiche dedicate a Van Gogh.

In scena Nicola Simone Cisternino, su partiture di Diepenbrock, Handel, Ibsen, Wagner e Bach, darà vita a quadri differenti in cui prendono forma gli stati d’animo dell’artista olandese. Con tecni-ca e disinvoltura il danzatore attraverserà l’idillio e il tormento, l’angoscia e il suicidio di un animo inquieto, che cercò nell’arte la luce della natura, per trovarvi il buio della psicosi.

van gogh_by lomonaco  rid  049Dall’acquisizione incrociata della lettura clinica del Dott. Ovidi e quella poetica e teatrale del regi-sta e drammaturgo Massimiliano Burini, Loris Petrillo ha elaborato un’idea personale del caso che sviscera attraverso la fisicità dell’unico performer in scena, in una sequenza di quadri coreografici e teatrali. In un ordine temporale casuale, incastonati secondo un istinto creativo, ciascuno dei quadri rievoca un sentimento o uno stato patologico del pittore: la sindrome depressiva; la ricerca di co-municazione; la vocazione alla professione di predicatore; l’angoscia e l’inquietudine; l’entusiasmo del periodo luminoso e bucolico ad Arles; lo scompenso morale che lo conduce in una strada tortuo-sa fatta di crolli, collassi e cadute morali; l’autolesionismo e la totale crisi che lo condurrà alla mor-te.

Van Gogh, è uno spettacolo fatto di carne e sudore, voce e pelle, musica e danza; fa sorridere e poi commuovere, come quando girasoli oltre misura si trasformano nei simboli di uno stato d’animo sofferente che non riesce a guardare la realtà se non attraverso gli occhi della malattia.

Loris Petrillo

Dopo un’intensa carriera come primo ballerino all’estero – al Ballet Royale de Wallonie (Belgio), al Gothenburg Operan Ballet (Svezia), allo Stadttheater Bern (Svizzera) e in Italia per il Balletto di Toscana e al Teatro Regio di Torino – è oggi tra i coreografi italiani più apprezzati e stimati del pa-norama internazionale della danza contemporanea.

Dal 2000 dirige la Compagnia Loris Petrillo Danza per la quale crea numerose opere coreografiche sempre impegnate socialmente, culturalmente e politicamente, estranee ai circuiti commerciali e al-le logiche del business. Oggi la sua è una delle compagnie più all’avanguardia per la continua evo-luzione del suo linguaggio e più stimata ed apprezzata per il forte impatto fisico, per la massima tensione espressiva che rivendica la drammaturgia di ognuna delle sue opere portate in scena, e per il modo semplice e diretto con cui arriva al pubblico.

“CONTEMPORANEO SENSIBILE”, IL CALENDARIO DEGLI SPETTACOLI:

Sabato 29 e domenica 30 marzo

“Van Gogh” physical performance with versatile and installational structure

Produzione Mda Produzioni Danza/Petrillo danza

da un’idea di Renzo Ovidi

coreografia Loris Petrillo, drammaturgia Massimiliano Burini

con Nicola Simone Cisternino, musiche Diepenbrock, Handel, Ibsen, Wagner, Bach

Sabato 5 aprile

“Babilonia”

Produzione Hystrio/Mda Produzioni Danza

da un’idea di Marcello Fiorini

coreografia Rosa Merlino e Monica Camilloni

musica originale eseguita dal vivo da Marcello Fiorini

con le danzatrici Carlotta Bruni, Monica Camilloni, Rosa Merlino

Mercoledi 9 e giovedi 10 Aprile

“Il viaggio del Guerrin Meschino”

Produzione Estreusa/ Mda Produzioni Danza

Da Gesualdo Bufalino, drammaturgia Sebastiano Tringali e Aurelio Gatti

Regia e coreografia Aurelio Gatti

con Sebastiano Tringali e Cinzia Maccagnano

con Gabriella Cassarino e le danzatrici Carlotta Bruni e Rosa Merlino

Sabato 26 Aprile

“Novecento”

Produzione Spaziotre

Dal monologo di Alessandro Baricco

con Carlo Vitale

musiche Mariano Bellopede, luci Gianni Caccia

regia Enrico Santori e Carlo Vitale

Venerdì 2 e sabato 3 maggio

“Un’ora tutta per me”

Produzione Babel Crew

Primo capitolo del “Dramma in corpore”_una trilogia

con Simona Argentieri

drammaturgia e regia Giuseppe Provinzano, coreografia Simona Argentieri

Venerdì 9 e sabato 10 maggio

“Weltflucht”

Produzione Ritmi sotterranei

Musiche Mozart, Julia Kent, Olafur Arnalds, Jun Miyake, Anthony And The Johnsons

Regia e coreografia Alessia Gatta

Danzatori Gioele Coccia, Viola Pantano, Marco Grossi, Giacomo Sabellico

Check Also

La strategia di sopravvivenza dei coralli tropicali al clima che cambia

Studi condotti dal Consiglio nazionale delle ricerche su esemplari di coralli tropicali hanno permesso di …