giovedì , Ottobre 21 2021

Al Palab di Palermo gli Nkantu d’Aziz con “L’uomo pesce”

Gjn schirò e totò grillettoAl Palab di Palermo (Piazzetta del Fondaco), giovedì 10 aprile, gli Nkantu d’aziz si esibiranno in concerto per presentare il loro nuovo singolo e l’omonimo video.

A quasi tre anni dal loro album di esordio “Mi porteranno Via” (2011) e centinaia di concerti in giro per la Sicilia e qualche tappa nazionale, Totò Grilletto e compagni tornano così sulla scena discografica con un nuovo singolo: “L’uomo pesce”. Per questo brano, registrato nel novembre del 2013 dall’ormai inseparabile amico e produttore Toni Carbone (presente anche nelle prime linee del precedente album), gli nkantu d’aziz hanno voluto al proprio fianco ospiti di eccezione i quali hanno arricchito in maniera preponderante lo stile e il sound della band. Ad aiutarli sono infatti intervenuti da Agrigento lo storico batterista dei Tinturia, Angelo Spataro e, ad accompagnarlo alle percussioni , l’amico e collega Filippo “Fifuz” Alessi, musicista dei “Qbeta”. Alla voce, Totò Grilletto si fa accompagnare invece dalle potenti corde vocali di Aida Satta Flores, con la quale la band ha già collaborato. A chiudere il cerchio dei contributi, l’ospite nazionale Francesco “Fry” Moneti dei Modena City Ramblers, il quale, messo da parte il suo violino e la sua chitarra, ha imbracciato il suo mandolino elettrico dando quel giusto appeal al brano. Le edizioni, come già per il primo disco, sono invece della Jacklab Publishing di Roberto Terranova.

‹‹ Abbiamo lavorato benissimo con questi, prima di tutto, amici e poi colleghi – ha dichiarato Grilletto – ci hanno insegnato tanto e, chissà, non si escludono altre collaborazioni in futuro. Con Toni e Fifuz lavoriamo insieme dal 2011, sono due professionisti sul campo musicale e due ottimi amici ››.

Il brano racconta la leggenda di Colapesce, l’uomo mezzo uomo e mezzo pesce che regge, sostituendosi difatti, una delle colonne che reggono la Sicilia.

Il video de L’uomo Pesce, invece, è stato girato tra le strade della città di Palermo e in quattro dei maggiori punti di riferimento per la cittadinanza palermitana: Piazza Rivoluzione, alla fontana del Genio, Il Teatro Stabile Biondo, il Teatrino dell’ “Opera dei pupi” di Mimmo Cuticchio, il quale appare anche nel video, e Piazza Magione. Il soggetto e la sceneggiatura nascono da un’idea di Gjin Schirò, chitarrista della band, le riprese sono state invece affidate a due giovani e promettenti registi palermitani, Alice “Alyson the Witch” Castiglione e Daniele Antonini e a due amiche catanesi, Adriana Harej, che ne ha curato anche il montaggio, e Martina Villari, entrambe facenti parte di Natiasud di Catania, un format, un vetrina performativa che si pone come obiettivo principale quello di promuovere il talento del sud.

La Sicilia, la sua storia e le sue leggende hanno da sempre affascinato il cantautore Totò Grilletto il quale ritiene che la conoscenza di tali racconti non deve essere lusso per pochi. Questo è il pensiero che lo spinge costantemente a narrarli tramite i suoi testi e musiche incalzanti, dal ritmo tarantolato e balcanico. Ha dato così voce a quei personaggi storici e ai miti leggendari che arricchiscono l’immaginario collettivo siciliano.

Da venerdì 11 Aprile, il brano L’uomo pesce sarà disponibile in download su tutti i principali digital store.

La band, rinnovata nella sua line-up, annuncia così il prossimo lavoro discografico al quale stanno lavorando e che vedrà la luce a fine anno 2014.

Gli nkantu d’aziz sono:

Totò Grilletto: Voce e chitarra;

Gjin Schirò: Chitarra e voci;

Salvo Spera: Clarinetto;

Melko Van Kaster: Violino;

Andy Jack Forfait: Basso;

Fabio Pellitteri: Batteria

Felice di Caccamo : fonico

Check Also

Nano-convertitori ottici ultraveloci comandati dalla luce

La nuova tecnologia ideata dai ricercatori degli istituti di Nanoscienze (Nano) e di Fotonica e …