giovedì , Ottobre 6 2022

Nuovi brand

tre scimmietteApprofittando del silenzio elettorale parliamo di altro, parliamo di mafia. “La mafia è la distorsione di valori di per se non censurabili, valori che appartengono al tessuto sociale che la esprimono” così diceva Falcone in una intervista del 1992 anno in cui sarebbe morto, di mafia appunto. Sono passati 22 anni dall’attentato di Capaci e il brand Falcone/Borsellino è al top. I due santini laici ricordati il 23 maggio insieme ai non meglio noti uomini della scorta, ai quali in paeselli remoti sono state dedicate targhe ricoperte da erbacce e ignorate dai passanti. Magliette, cappellini gadget di ogni prezzo e per tutti i gusti, le due facce sorridenti dei giudici ammazzati si trovano ovunque persino nelle aule dei tribunali. Sono passati 22 anni dall’attentato di Capaci e la letteratura fantascientifica ci ha raccontato tante cosette interessanti sulla “presunta-trattativa-stato-mafia”, sulle connivenze promiscue, sui poteri deviati, deviati da cosa? BO! Dopo 22 anni di marce, fiaccolate, lacrimoni a iosa, lenzuoli, spillette e adesivi mi pare che si possa dire con cognizione di causa che ad ammazzare due uomini di Stato sia stata: la solitudine. Di recente una simile diagnosi è stata fatta pure per Biagi e Liguori, il vigile urbano di Acerra troppo ligio sul lavoro. Di solitudine patiscono pure le genti stanche di subire vessazioni e prepotenze. Il nostro è un Paese bello, ma incline a isolare chi si ostina a compiere il proprio semplice dovere. Bisognerebbe scriverlo sulle confezione di latte e pasta così si saprebbe ancor meglio che non conviene anzi che nuoce gravemente alla salute fare ciò che è doveroso, in quanto esseri pensanti e responsabili. “Fatti li affari tua” recita un motto crozziano, mantra e invito da estendere ai cocciuti che ancora ci credono.


Gabriella Grasso

Check Also

Femminicidio di Stato

Femminicidio di Stato di Massimo Greco In una una visione contrattualistica, lo Stato si sta …